Christine Lagarde bacchetta l'Italia e la Ue (di C. Meier)

Confedilizia frena Fmi Prima casa? Rincaro tasse di 9 mld l'anno

Giorgio Spaziani Testa

È un messaggio chiaro quello lanciato all'Italia dal direttore generale del fondo monetario internazionale Christine Lagarde in occasione dell' apertura della sessione primaverile della banca mondiale e dell'Fmi.

Anche in Italia il debito pubblico va tenuto sotto controllo.

Nel mirino dell'Fmi ancora una volta le ipotesi di riforma fiscale. Il rinvio del divorzio del Regno Unito dalla Ue è positivo perché ha evitato il "terribile risultato" di un'uscita senza accordo il 12 aprile. Soprattutto, ha sottolineato Lagarde, bisogna "evitare di fare danni" con politiche sbagliate, come quelle sui dazi. Tuttavia prolunga le incertezze.

'Forti riserve su parte delle riforme delle tasse che abbiamo visto in giro' in Italia.

In attesa di aggiornare i dati, la direttrice di FMI si rivolge all'Italia durante l'apertura dei lavori degli Spring Meeting del Fondo: "E' necessario - ribadisce la Lagarde citata da RAI News - rafforzare il sistema delle banche e individuare misure credibili e identificabili". Sulla manovra del Governo, ha detto di apprezzare le intenzioni dell'Esecutivo, ma ora devono seguire misure concrete.

Altre Notizie