Carige, Di Maio: puniremo fortemente chi ha ridotto così la banca

CLICCA PER INGRANDIRE

CLICCA PER INGRANDIRE

Intanto non si placano le polemiche: dopo l'attacco del Pd, che ha annunciato un'interrogazione parlamentare per chiedere chiarimenti sul possibile conflitto di interessi del premier Conte per i rapporti con il giurista Guido Alpa, già consigliere di Carige, e con Raffaele Mincione, azionista della banca, ad accendere nuovamente la miccia è una rivelazione de Il Sole 24 ore, che spiega come il testo del decreto sia pressoché identico a quello approvato nel 2016 dal governo Gentiloni per avviare la nazionalizzazione di Monte dei Paschi e il salvataggio di Popolare Vicenza e Veneto Banca.

Carige "non sarà come Etruria perchè salviamo tutti gli obbligazionisti". Sul provvedimento adottato dal consiglio dei ministri del governo italiano "Repubblica" riporta l'intervento del portavoce della segreteria nazionale "Con il provvedimento del Governo, che sgombra il campo dai dubbi di solvibilità, è stata scongiurata la corsa agli sportelli, ma adesso bisogna pensare al rilancio della banca e per una vera ripresa dell'attività commerciale è indispensabile l'investimento in capitale umano".

In attesa di conoscere cosa deciderà il creditore, il quale non è escluso nemmeno che alla fine accetti una conversione del titolo in azioni, restano altre azioni da prendere per fronteggiare la crisi. "Non ne ha da oltre un anno". Passano pochi minuti e contro la nazionalizzazione si schiera il governatore ligure, Giovanni Toti: "Carige ha le risorse per risollevarsi da sola". "O meglio: "un bond c'è ma è quello da 320 milioni sottoscritto dal sistema bancario di recente" (SVI, ovvero Schema volontario del Fondo interbancario di tutela dei depositi)". E' a questo punto che Tria scende in trincea.

Dunque, il copia e incolla del decreto Gentiloni c'è, semplicemente in un contesto diverso in cui gli obbligazionisti subordinati non accuseranno perdite. Ma, si è difeso il Movimento, mentre loro lo facevano per difendere i loro amici dirigenti delle banche, il nuovo governo lo fa per tutelare gli innocenti risparmiatori.

Tornando all'ipotesi nazionalizzazione, l'opzione sembra convincere sempre di più Di Maio. "Non ho nessun problema a pensare alla banca dello Stato".

Insomma: "i cittadini mettono i soldi e i cittadini si prendono la banca". "Se troveremo persone che hanno difficoltà a pagare neanche ve lo diremo il nome". Il popolo sovrano si riappropria delle banche.

"Una soluzione di mercato sarebbe comunque preferibile". "Un ricapitalizzazione precauzionale, la cosiddetta nazionalizzazione, sarebbe un'operazione temporanea".

Altre Notizie