Sei morti al concerto di Sfera Ebbasta

Asia Nasoni promessa della ginnastica morta a 14 anni al concerto di Sfera Ebbasta

Corinaldo, Ancona: ressa al concerto di Sfera Ebbasta, almeno sei morti e centinaia di feriti

La discoteca in cui è avvenuta la strage è la Lanterna Azzurra, a Corinaldo, circa 40 chilometri a ovest di Ancona. Il questore Oreste Capocasa ha precisato che i feriti sono 35. E molti giovani sono, oltre alle vittime, anche i feriti, almeno cento.

Travolti dalla calca prima dell'inizio del concerto di Sfera Ebbasta: così sono morti cinque ragazzi e una madre, in un locale in provincia di Ancona. Nella discoteca, secondo quanto riferito dai testimoni ai Vigili del fuoco, c'era un migliaio di persone. Queste le parole dell'uomo in diretta: "Mio figlio e i suoi amici sono stati fortunati perché la corriera che avevano preso per andare al concerto ha fatto tardi ed è arrivata poco prima che il fatto succedesse e quindi non hanno fatto neanche in tempo ad entrare". I giornali riportano la testimonianza di un ragazzo 16enne che ha raccontato: "Stavamo ballando in attesa che cominciasse lo spettacolo di Sfera Ebbasta, quando abbiamo sentito un odore acre, siamo corsi verso una delle uscite di emergenza ma l'abbiamo trovata sbarrata, i buttafuori ci dicevano di rientrare". Un centinaio i feriti, che sono stati distribuiti tra gli ospedali di Torrette ad Ancona (i più gravi), Senigallia e Jesi.

Le prime ricostruzioni dei carabinieri, quelle che ipotizzano l'utilizzo di uno spray urticante come causa della ressa, ricordano molto la dinamica della grande calca in piazza San Carlo a Torino del 2 giugno 2017, quando durante la proiezione di Juventus-Real Madrid un falso allarme provocò una fuga generale che uccise una donna, Erika Pioletti. Il video sarebbe già stato acquisito dai carabinieri. "Non si può morire così a quindici anni, un pensiero e una preghiera per i sei morti di stanotte nelle Marche, e una speranza per i tredici feriti gravi ancora ricoverati". E un impegno: trovare i responsabili di queste 6 vite spezzate, chi per cattiveria, stupidità o avidità ha trasformato una serata di festa in una tragedia.

Anche l'ex segretario del Pd Matteo Renzi ha espresso il suo dolore per quanto accaduto con un tweet: "Le notizie che arrivano da #Ancona creano un dolore enorme".

Intanto alla Camera dei deputati riunita per il voto finale della legge di Bilancio, è stato dedicato un minuto di silenzio alle vittime della discotecadi Ancona.

Altre Notizie