La lettera su Dio di Einstein va all asta

La prima pagina della “Lettera su Dio” di Albert Einstein

La prima pagina della “Lettera su Dio” di Albert Einstein

Nessuno infatti avrebbe accettato di pagare i tre milioni di dollari richiesti. La lettera contiene la parola "Dio" solo una volta, ma è considerata un documento storico importante perché contribuisce a chiarire la posizione di Einstein sulla religione.

Questa lettera straordinariamente sincera e riservata è stata scritta un anno prima della morte di Einstein e rimane l'espressione più articolata delle sue opinioni religiose e filosofiche: "La parola Dio non è per me altro che l'espressione e il prodotto delle debolezze umane, la Bibbia una collezione di venerabili ma ancora leggende piuttosto primitive".

Come abbiamo anticipato, la lettera è stata scritta da Albert Einstein e conterrebbe delle riflessioni sulla Bibbia, su Dio, sul giudaismo e si tratterebbe di riflessioni piuttosto dure, tanto da far pensare già all'epoca che il filosofo fosse ateo, una tesi che era stata respinta dallo stesso fisico ebreo. La lettera era la risposta privata di Einstein al libro di Gutkind dal titolo "Choose Life: The Biblical Call to Revolt".

Il premio Nobel per la fisica aveva scritto decine di lettere in cui affrontava il tema di Dio e dell'ebraismo, la religione in cui era nato e cresciuto. Il rispetto di Einstein verso la religione non gli preclude uno sguardo di sincerità.

Il pensiero religioso di Albert Einstein è sempre stato molto affascinante per diversi studiosi, a causa del convergere - all'interno della sua filosofia - di diverse correnti di pensiero nelle quali non si rispecchiava mai completamente. La mia religiosità consiste in un'umile ammirazione di quello Spirito immensamente superiore che si rivela in quel poco che noi, con il nostro intelletto debole e transitorio, possiamo comprendere della realtà. Non è la prima volta che la lettera, riemersa nel 2008 dopo essere rimasta fino ad allora nelle mani della famiglia Gutkind, viene proposta all'asta. "Voglio conoscere i suoi pensieri; in quanto al resto, sono solo dettagli". Si tratterebbe di una lettera molto piccola scritta su una pagina e mezzo, autografate scritta in lingua tedesca, la quale è stata battuta all'asta per 2.

Altre Notizie