Canada, direttrice finanziaria Huawei arrestata su richiesta degli Usa

Huawei arrestata in Canada Meng Wanzhou direttrice finanziaria e figlia del fondatore. La Cina ne chiede la liberazione

Meng Wanzhou chief financial officer della compagnia cinese Huawei

La direttrice finanziaria di Huawei, Meng Wanzhou, è stata arrestata in Canada.

L'arresto sta già facendo discutere in tutto il mondo, in quanto la giovane manager è la figlia del fondatore della compagnia, contro cui gli USA stanno portando avanti una lunga battaglia. Huawei infatti è sotto indagine per una presunta violazione dell'embargo stabilito da Washington, che non consentirebbe (fra l'altro) la vendita di tecnologie a paesi in black-list.

In precedenza il quotidiano The Globe and Mail aveva segnalato l'arresto in Canada della direttrice finanziaria e vicepresidente del consiglio di amministrazione della società Huawei Meng Wanzhou. "Ci opponiamo fermamente e protestiamo con forza contro questo tipo di azioni che hanno seriamente danneggiato i diritti umani della vittima", ha detto l'ambasciata.

In un segno tangibile dell'irritazione cinese, l'ambasciatore Lu Shauye ha annullato all'ultimo minuto e senza fornire spiegazioni la sua audizione di oggi alla commissione Affari Esteri della Camera dei Comuni, uno dei rami del parlamento di Ottawa.

Huawei: "Siamo fiduciosi dell'imparzialità dell'autorità" - "Siamo convinti e fiduciosi che le autorità canadesi e statunitensi raggiungeranno senza dubbio una conclusione corretta e imparziale".

Inevitabili, dopo la notizia dell'arresto della dirigente, le conseguenze sui mercati finanziari: chiusura in forte ribasso per la Borsa di Tokyo, che ha sofferto per i timori di un'impennata nelle tensioni tra Usa e Cina dopo l'arrestato di Meng Wanzhou.

Secondo il senatore repubblicano Ben Sasse l'arresto è legato alle sanzioni statunitensi nei confronti dell'Iran, come d'altronde sostengono anche New York Times e Wall Street Journal.

Altre Notizie