Annuncio dalla Cina: "Creati i primi esseri umani con Dna modificato"

Ecco cos'è la CRISPR il copia-incolla del Dna che fa discutere

Sono due gemelle i primi esseri umani geneticamente modificati

Uno scienziato cinese sostiene di aver creato i primi esseri umani geneticamente modificati al mondo.

Se confermato, l'esperimento in cui in Cina il Dna degli embrioni di sette coppie è stato modificato per renderlo resistente al virus Hiv responsabile dell'Aids, "è il primo caso di miglioramento genetico dell'uomo per avvantaggiare degli individui e creare discriminazioni nella società". Nel documento, reso noto dalla rivista del Massachusetts Institute of Tecnology (Mit), Technology Review, si legge che l'esperimento è stato condotto con il consenso del comitato etico.

Se fosse vero, si tratterebbe di un profondo salto sia dal punto di vista scientifico che dal punto di vista etico. Già nel 2015 quando i ricercatori cinesi avevano modificato i geni di un embrione umano in laboratorio si era scatenata la protesta globale ed era stato chiesto agli scienziati di non usare la tecnologia in ambito neonatale, almeno per il momento. "Devo presentare le mie scuse per la diffusione inaspettata dei risultati", ha affermato He Jiankui, alla platea di una conferenza a Hong Kong, sottolineando che "la sperimentazione clinica è stata messa in pausa a causa della situazione attuale". Il ricercatore ha ammesso che con questa ricerca non si prefiggeva di trovare un modo per prevenire o curare la trasmissione di una malattia ereditaria, bensì di modificare un tratto del Dna per potenziare il sistema immunitario, rendendolo più resistente alle infezioni, ad esempio al virus dell'Hiv. "Il vaso di Pandora è stato aperto - hanno scritto gli studiosi - Possiamo ancora avere un briciolo di speranza di chiuderlo prima che sia troppo tardi". Pensiamo alla morte cardiaca improvvisa: "correggendo uno dei geni responsabile si evita la malattia".

La Cina ha aperto un'indagine sull'esperimento delle gemelline nate con Dna alterato annunciato ieri da un ricercatore cinese, He Jiankui, che ha dichiarato di avere contribuito alla loro nascita, avvenuta tramite fecondazioni in vitro con una tecnica di genoma-editing.

Altre Notizie