Race to Dubai, nel secondo round Molinari arretra, Fleetwood avanza

Golf: Molinari, a Dubai per vivere altro sogno

Golf, Race to Dubai: trionfa Molinari, è il primo italiano nella storia

Le ultime 18 buche di un'annata spettacolare e Francesco Molinari potrà festeggiare la conquista della Race to Dubai, l'ordine di merito dell'Eurotour, impresa mai riuscita a nessun italiano. Francesco Molinari vive così la vigilia del DP World Tour Championship (15-18 novembre a Dubai), ultimo evento 2018 delle Rolex Series che potrebbe consegnare all'azzurro la palma di miglior giocatore sull'European Tour. Manca ormai solo l'ufficialità, ma il crollo di Tommy Fleetwood (re della money list 2017), l'unico in grado d'impensierirlo, spiana la strada al piemontese. Ma il vantaggio di metà gara è relativo e il confronto non è alla pari, dato che Tommy Fleetwood, per darsi una chance, deve vincere il torneo con l'avversario fuori dai primi cinque. Ma la classifica è corta e alle sue spalle premono, tra gli altri, un ritrovato Danny Willett, l'americano Patrick Reed e Rory McIlroy. Molinari, dopo un secondo giro complicato, è tornato sulla retta via chiudendo a 70 (-2) e portando il suo totale a 211 (-5), che gli vale la 28esima piazza.

Inizia nel miglior dei modi il DP World Tour Championship per Francesco Molinari e Andrea Pavan, rispettivamente quinto (68 -4) e decimo (69 -3). Bene anche l'altro azzurro Andrea Pavan, che resta nella zona alta della classifica con il suo 17° posto (208, -8).

Altre Notizie