Reddito cittadinanza, perché può essere un (pericoloso) boomerang

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE

Per quanto riguarda i lavoratori, quelli con stipendio fino a 1.000 euro mensili e con contratto part time sono il bacino che guarderebbe con favore a percepire il reddito di cittadinanza pur continuando a lavorare in nero.

Ci sono 34 province del Sud e delle isole in testa alla classifica dei potenziali beneficiari del reddito di cittadinanza così come lo immagina la manovra gialloverde per il 2019.

Reddito di cittadinanza sì, reddito di cittadinanza no. Da quando il Movimento 5 Stelle ha iniziato a parlare di questa misura contro la povertà, il tema è stato sempre al centro di un profondo dibattito tra pro e contro. Tra le altre città calabresi sono presenti, nei primi 15 posti della classifica, anche Catanzaro con il 18,4%, Reggio Calabria con il 16,9%, Vibo Valentia con 15,5% di famiglie. Lo dimostra l'analisi del Sole 24 Ore del Lunedi' sugli Isee ordinari presentati in Italia nel 2016 (ultimo dato disponibile) e monitorati dal ministero del Lavoro.

E Piacenza? E' solo 92esima in Italia nella graduatoria con una platea di potenziali 8400 famiglie beneficiarie, pari al 6,5 per cento del totale. A Crotone, piazzatosi al primo posto, saranno quasi il 28% delle famiglie a ricevere potenzialmente il reddito, a Napoli e Palermo il 20,5%, a Caltanisetta il 19,8%.

A Bolzano, invece, ha i requisiti solo una famiglia su 40, a Belluno e Sondrio una su 30, a Varese una su 20. Chi ha un reddito mensile inferiore a 1.000 euro potrebbe infatti "accettare" di buon grado il licenziamento da parte del dato dei lavoro, percepire il reddito di cittadinanza (che assegna una "paga" mensile fino a 780 euro), continuare a lavorare con un salario in nero e più contenuto rispetto a quello regolare. Venendo al nodo risorse, se l'obiettivo e' raggiungere i due milioni e mezzo di famiglie con i requisiti di Isee, i 9 miliardi stanziati si traducono in una media di 294 euro mensili a famiglia. Una cifra più bassa anche del Reddito di Inclusione che ammonta oggi a 305 euro.

Altre Notizie