Porto di Genova: 270 chili di eroina trovati in container provenienti dall’Iran

Il porto di Genova. Credit Angela Santucci

Il porto di Genova. Credit Angela Santucci +CLICCA PER INGRANDIRE

A scoprirli è stata la polizia, coadiuvata dal personale dell'Agenzia delle dogane, al termine di una lunga indagine, che ha permesso di effettuare il più ingente sequestro della sostanza stupefacente degli ultimi venti anni.

La polizia di Stato ha sequestrato circa 270 chili di eroina nel porto di Genova dentro un container provenienti dall'Iran. La nave Artabaz era partita dal porto iraniano di Bandar Abbas alla volta della Turchia e dell'Europa, toccando i porti di Amburgo, Valencia e Genova. L'indagine, coordinata dalla Dda, è scaturita dallo scambio di informazioni tra la Direzione centrale per i servizi antidroga e il Servizio centrale operativo.

Gli approfondimenti investigativi sulla documentazione di trasporto facevano emergere forti dubbi sul reale destinatario della merce che figurava essere una ditta con sede in Repubblica Ceca.

D'intesa con la Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Genova si è provveduto a perquisire e poi sequestrare parte del materiale stupefacente rinvenuto in uno dei container, lasciandone una parte, che è stata costantemente monitorata anche attraverso attività tecniche.

A seguito del sequestro è stata organizzata ed eseguita la prima consegna controllata transnazionale richiesta dall'Italia, che ha visto, con il coordinamento del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia e di Eurojust la collaborazione delle Forze dell'ordine e delle Autorità giudiziarie di Svizzera, Francia, Belgio ed Olanda, dove si è conclusa con l'arresto di due soggetti. Una consegna di cui vengono informati i Paesi interessati (Svizzera, Francia, Belgio e Olanda, in questo caso) dal transito del tir per evitare controlli inconsapevoli. Dopo un viaggio di tre giorni, i 2 novembre u.s., il mezzo è giunto in Olanda, località Roosendal, ove veniva fatto entrare in un magazzino, apparentemente in disuso, sito ad un indirizzo diverso da quello presente sulla documentazione di viaggio, al fine di scaricare la merce.

"L'indagine è ancora in corso per individuare tutti gli appartenenti all'organizzazione che ha messo in piedi il maxi carico di eroina".

Altre Notizie