Death Stranding: per Troy Baker è enorme e strano

Troy Baker parla di Death Stranding

Death Stranding: Lavori terminati per Norman Reedus e Troy Baker

Troy Baker, attore e doppiatore presente nel videogioco Death Stranding, ha dichiarato durante l'Argentina Game Show 2018 che il gioco è decisamente mastodontico.

La futura opera firmata da Hideo Kojima, Death Stranding, continua a incuriosire il mondo dei gamers, anche a causa dell'alone di mistero che pervade questo titolo e delle poche informazioni a riguardo.

Nell'intervista ha definito il gioco "Big and weird", ovvero "Grande e strano".

"Ho avuto qualche scena interessante da girare con Norman [Reedus], una scena che voi non avete nemmeno iniziato a... beh, si tratta di un gioco enorme". Il senso del gioco è enorme.

Una delle cose di cui siamo certi è che avrà un cast stellare. Questi ha svelato d'aver terminato la propria parte delle riprese e successivamente ha parlato anche del gioco e di ciò che dobbiamo aspettarci. Non si è preso nemmeno degli appunti, aveva semplicemente fissato i punti nella sua testa. Potevi andare a chiedergli qualcosa e lui ti tirava fuori quell'esatto dettaglio. Succedeva lo stesso anche con Metal Gear. Non ho mai lavorato con qualcuno che richiedesse più fiducia, perché è come se stessimo attraversando un luogo ciechi.

Death Stranding è allucinato, è strano, non ho idea di quando uscirà. Credo che anche Norman abbia finito, ma potrei sbagliarmi.

Death Stranding sarà disponibile in esclusiva per PS4.

Altre Notizie