Rapporto Oms inquinamento: 90% bambini respira aria inquinata

Milano- inquinamento smog

Nove bambini su dieci respirano aria inquinata: Italia tra i Paesi peggiori

Secondo il nuovo studio dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ogni giorno circa il 93% dei bambini di età inferiore ai 15 anni (1,8 miliardi di bambini) respira aria così inquinata da mettere a serio rischio la salute e lo sviluppo.

I più esposti al particolato atmosferico sono i piccoli dei Paesi a basso e medio reddito: il 98% dei bambini al di sotto dei 5 anni introduce nei polmoni quantità di particolato atmosferico ben al di sopra dei livelli massimi indicati dalle linee guida dell'Oms (10 microgrammi/ m3).

A dirlo è il rapporto "Air pollution and child health: prescribing clean air" redatto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in occasione della prima Conferenza Globale sull'inquinamento dell'aria e la salute, in programma a Ginevra dal 30 ottobre all'1 Novembre 2018.

"L'inquinamento dell'aria avvelena milioni di bambini e distrugge la loro vita", ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell'OMS. E addirittura quasi 4 milioni vivono in aree nelle quali sono superati i limiti per tutte e tre queste sostanze dannose.

Respirare inquinamento. I bambini sono esposti all'inquinamento non solo quando passeggiano per strada, ma anche quando giocano comodamente in casa loro, questo rende dunque inquinato qualsiasi ambiente in cui vivono: le cause di quest'aria pericolosa sono la combustione dei carburanti, i processi industriali, gli inceneritori dei rifiuti, le pratiche di agricoltura e i processi naturali come gli incendi, le tempesta di sappia e le eruzioni vulcaniche.

Gli effetti dell'inquinamento sulla salute dei più piccoli sono evidenti sin dalla nascita: le donne incinta esposte alle polveri sottili hanno maggiori probabilità di partorire bambini prematuri o sottopeso.

I neonati e i bambini più giovani sono inoltre più suscettibili all'inquinamento casalingo delle loro case dove, soprattutto nei Paesi con le economie meno floride, si usano regolarmente combustibili e tecnologie inquinanti per cucinare, scaldarsi e illuminare.

L'inquinamento dell'aria ha anche ripercussioni sullo sviluppo neurologico e sulle capacità cognitive e può provocare asma e alcune forme di cancro infantile. La gigantesca minaccia posta alla loro salute dall'inquinamento dell'aria richiede una risposta urgente e mirata da parte degli esperti di salute pubblica.

L'OMS lancia l'allarme che riguarda l'inquinamento.

Il risultato della somma degli effetti negativi dell'inquinamento indoor e di quello outdoor è drammatico: il 50 per cento delle infezioni respiratorie nei bambini dei Paesi più poveri è provocato da questa deleteria accoppiata. Chi ha respirato aria inquinata da piccolo ha un rischio aumentato di malattie croniche cardiovascolari da adulto.

Una delle ragioni per le quali i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti dell'inquinamento è che essi respirano più rapidamente rispetto agli adulti e assorbono così più agenti inquinanti. Nonostante questo sono diverse le vie per cercare di ridurre al minimo le emissioni di inquinanti letali. "L'OMS sta sostenendo l'attuazione di misure politiche per la salute come l'accelerazione del passaggio a combustibili e tecnologie di cottura e riscaldamento puliti, promuovendo l'uso di trasporti verdi, alloggi efficienti dal punto di vista energetico e pianificazione urbana".

Altre Notizie