Khashoggi, nessuno crede a versione di Riad. Trump parla di "bugie"

Caso Khashoggi i sauditi ammettono l'uccisione nel consolato

Arabia Saudita, traballa il trono di bin Salman

Nel frattempo il segretario del Tesoro degli Stati Uniti, Steven Mnuchin, ha annullato la partecipazione a una conferenza sugli investimenti che avrà luogo Riyadh; lo ha annunciato su Twitter in seguito a un incontro con il presidente Donald Trump avvenuto presso la Casa Bianca.

La spiegazione fornita dall'Arabia Saudita sulla morte di Jamal Khashoggi "non è credibile". Una fonte avrebbe affermato all'emittente televisiva che "Il re", Salman bin Abdulaziz, "ha iniziato a valutare le prerogative concesse a suo figlio e erede al trono Mohammed (...) l'intervento del sovrano riflette le crescenti preoccupazioni espresse dai membri del Consiglio dello Shura circa l'adeguatezza di Mohammed bin Salman a gestire il potere". Un segnale che la pressione per Riad si stava facendo ormai insostenibile.

Che il cerchio si stesse ormai stringendo era apparso chiaro anche dalle parole pronunciate ieri dal ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu: "Abbiamo alcune informazioni e prove e condivideremo con tutto il mondo i risultati dell'inchiesta", aveva spiegato il capo della diplomazia di Ankara.

Venerdì la procura di Istanbul aveva interrogato 15 dipendenti turchi della sede diplomatica saudita, compreso l'autista del console. Non c'era lui però alla guida del minivan nero modello Mercedes Vito con targa diplomatica ispezionato dai tecnici della scientifica turca. Prima, alle 15:09, poco meno di due ore dall'ingresso del reporter, nella residenza del console. Poi in una località lontana, forse la Foresta di Belgrado, il bosco meta di escursionisti alla periferia europea di Istanbul, dove in queste ore proseguono le ricerche della polizia.

Il nuovo aggiustamento dei fatti sembra tener conto delle critiche rivolte al principe ereditario Mohammed bin Salman.

Khashoggi doveva essere rimpatriato con la forza in Arabia Saudita, come da ordine degli alti comandi di Riad, ma la squadra dei killer ha interpretato male e lo ha ucciso strangolando subito dopo il suo tentativo di fuga dal consolato, e' la ricostruzione del New York Times che cita una funzionario anonimo saudita. E sul caso alzano la voce anche gli avversari dell'Arabia Saudita in Medio Oriente.

I sauditi hanno cambiato versione più volte.

Altre Notizie