Cina, il Pil del terzo trimestre frena a +6,5%

Donald Trump

Donald Trump

Su base congiunturale la crescita del Pil del terzo trimestre si è attestata a +1,6% dall'1,7% (rivisto) dei tre mesi precedenti, in linea con le attese.Gli altri dati di giornata riguardano la produzione industriale di settembre, cresciuta del 5,8%, in rallentamento dal 6,1% di agosto, su stime per un +6,0%. Quest'oggi sono stati diffusi i dati relativi al Pil dell'ex impero celeste e per gli analisti ha rappresentato una delusione.

Ad ogni modo, il portavoce dell'Ufficio Nazionale di Statistica Mao Shengyong, ha dichiarato come la situazione internazionale sta generando una "pressione al ribasso" sull'economia cinese, ma che comunque la crescita è ancora stabile e la nazione è sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo di crescita annuale di circa il 6,5%. Si tratta dell'andamento economico più lento dall'indomani della crisi finanziaria globale del 2009. Il paese è alle prese con la campagna di riduzione del debito e con i contraccolpi delle tensioni sul commercio con gli Stati Uniti.

(Teleborsa) - Rallenta più del previsto la crescita economica della Cina. Ma c'è un motivo.

E di conseguenza, il surplus commerciale della Cina con gli Stati Uniti è salito a 34,1 miliardi di dollari a settembre, confermando il sospetto che, nonostante l'imposizione di nuovi dazi da parte di Washington sulle importazioni dalla Cina, le scelte di Donald Trump non stavano dando gli effetti sperati dalla Casa Bianca.

Altre Notizie