Kalinic: "Gattuso è pazzo, ecco perchè al Milan non ha funzionato"

Kalinic

Atletico Madrid, Kalinic: "Gattuso? Grande persona, con lui il Milan arriverà lontano" - Fantagazzetta.com

Oggi il croato è all'Atletico Madrid, dopo pochi gol e tanti fischi al Milan.

In una lunghissima intervista esclusiva concessa ai microfoni del quotidiano AS, l'ex attaccante del Milan, Nikola Kalinic, ha parlato delle difficoltà vissute con la maglia rossonera: "Per me è stato difficile". Simeone mi ha detto che mi voleva in squadra e che ci sarebbero state molte partite e opportunità per tutti.

Dopo l'esperienza al Dnipro, Paulo Sousa entrò nella mia carriera. "Chiaro che io voglia rientrare nel giro, ma prima devono cambiare alcune cose". Per me è stato difficile.

MILAN. "Al Milan per me è stata dura: non ho potuto fare la preseason con la squadra e mi allenavo da solo a Spalato attendendo il trasferimento". Sono arrivato a stagione iniziata. Il Milan è un grande club, abituato a vincere e lottare per i titoli, vuole risultati e anche rapidamente. Fuori è un tipo molto simpatico, che racconta le barzellette, ma quando inizi ad allenarti dà tutto e vuole tutto. Ti preme. È pazzo, ma in senso buono. "Credo il Milan arriverà lontano con lui". A gennaio 2017 ricevetti un'offerta molto ricca dalla Cina. Ma gioco perché amo il calcio, non solo per i soldi. Se fossi andato lì la mia carriera sarebbe quasi finita, ho deciso di voler continuare nel calcio ai massimi livelli. Non mi avrebbe fatto felice il calcio cinese: avrei guadagnato tanto, ma la mia famiglia non sarebbe stata bene lì. "Se fosse stato il contrario sarebbe stato un altro discorso, ma ciò che voglio è giocare nel miglior calcio, contro grandi squadre".

MONDIALI, CHE PECCATO! - "Cos'è successo al Mondiale?". Si è parlato già tanto di questo: ora è il passato e voglio concentrarmi con l'Atlético, ciò che è successo è una storia lunga e se n'è già parlato troppo.

Torneresti in nazionale? "Certamente, sono disponibile a tornare".

Altre Notizie