Volley, Mondiali in Giappone, le azzurre battono anche l'Azerbaigian

Volley Mondiali Femminili l'Italia batte l'Azerbaijan Top Six più vicina

Volley, Mondiale, l?Italia non si ferma più: sesta vittoria

In mattinata le azzurre hanno sconfitto agilmente l'Azerbaigian 3-0 (25-12, 25-19, 25-10). Domani nella seconda giornata di gare Chirichella e compagne saranno impegnate a Osaka contro la Thailandia: ore 12.20 italiane, diretta su RaiSport+Hd. Le azzurre sono state nettamente superiori alle avversarie sia in attacco (49% vs 25%) che a muro (12 a 3).

Mazzanti ha schierato in campo: Malinov, Chirichella, Sylla, Egonu, Danesi, Bosetti e il libero De Gennaro. Nel finale di partita ha esordito nel Mondiale la schiacciatrice Pietrini. Non proprio una passeggiata: l'Italia ha arrancato nel primo set e poi si è trovata pesantemente sotto anche nel secondo, prima di avviare la rimonta. L'Azerbaigian non ha mai trovato alcuna contromisura, mentre Ofelia Malinov ha gestito alla perfezione l'attacco azzurro, chiamando spesso in causa Paola Egonu (22-10). Nel finale alle ragazze guidate da Mazzanti è bastato gestire il vantaggio per imporsi 25-12. Un po' più equilibrato il secondo, dove qualche problema in ricezione da parte delle azzurre ha permesso alle avversarie di stare davanti nella parte iniziale e in scia in quella centrale. "C'è stato un momento molto importante, siamo cresciuti nella fase break e da lì in poi abbiamo spinto come sappiamo", ha raccontato Mazzanti. Non si ferma il cammino in Giappone dell'Italvolley di Davide Mazzanti, da oggi tra le prime sei nazionali al mondo. Il pesante svantaggio è pesato sulle spalle dell'Azerbaigian, in totale balia delle azzurre sino alla fine del match (25-10).

Volley Mondiali Femminili: l'Italia schianta anche l'Azerbaijan per 3-0. Conoscevamo molto bene il loro gioco veloce, basato sugli incroci, e quindi siamo state sempre pazienti senza innervosirci mai. Anche il terzo set non si discorsta e l'Italia infila così un altro mattone nella strada che porta alla terza fase (i quarti) a Nagoya. La gara di oggi ci servirà tantissimo per il nostro cammino nel Mondiale, cambiare l'inerzia è stato veramente complicato. "Sono una squadra che utilizza un'infinità di schemi e noi non dovremo commettere l'errore di farci innervosire dalle loro difese". Le schiacciate di Egonu e Sylla sono vincenti e ci portiamo sul 23-10.

Italia non molto concentrata e potente contro la Russia. "Pensiamo di più a noi stessi che alle avversarie e questo ci fa giocare bene e allo stesso tempo divertire". N.E. Ortolani, Nwakalor, Fahr, Lubian.

AZERBAIGIAN: Yagubova, Samadova, Abdulazimova 3, Mammadova 4, Aliyeva 7, Hasanova 4.

Italia: 6 a, 6 bs, 8 m, 11 et.

Altre Notizie