Spread tocca i 310, poi frena Milano trascina giù le Borse

Borsa: Piazza Affari apre in rosso, lo spread supera i 300 punti - Economia

Lo spread sfonda quota 310 e trascina giù la Borsa

Lo spread tra Btp e Bund ha aperto in rialzo a 303 punti contro i 295.90 della chiusura di ieri con un rendimento al 3,57%. Per quanto concerne i titoli di Piazza Affari, queste sono le perdite: Ferrari (-3,66%), Fca (-2,84%), Saipem (-3,135), Moncler (-2,36%), Leonardo (-2,63%). Il Ftse Mib cede il 2,23%, a 19.895 punti, rompendo la soglia psicologica dei 20 mila punti mentre lo spread si impenna a 304 punti base e il rendimento dei Btp tocca un nuovo massimo di seduta. In flessione anche i titoli bancari: Azimut -3,25%, Mediolanum, Banca Generali -2%, Carige (-10,2%). L'ondata di vendite partita a Wall Street ha avuto effetti sui mercati asiatici. La Borsa di Tokyo perde quasi il 4% e va ancora peggio alla Borsa di Shanghai, in calo di oltre il 5%. Oltre al tonfo dei tecnologici del Nasdaq, a favorire le vendite sono i timori per l'impatto della guerra commerciale Usa-Cina sui risultati delle aziende e la presa di coscienza dei mercati che è ormai terminata l'epoca delle politiche monetarie espansive.

L'euro intanto torna sotto quota 1,15 dollari: anche la moneta unica è appesantita dal braccio di ferro tra Roma e Bruxelles sulla manovra finanziaria, con la lettera di bocciatura dell'Ue del Documento di Economia e Finanza predisposto dal Governo di Giuseppe Conte.

Forti ribassi si registrano anche sulle altre piazze del Vecchio Continente: Londra perde l'1,7%, Francoforte l'1,3% e Parigi l'1,5%.

Altre Notizie