L'annuncio di Salvini, come sarà la pace fiscale

L'annuncio di Salvini, come sarà la pace fiscale

Salvini, una maxi pace fiscale per gli italiani: "A saldo e stralcio su tutti i debiti sino a 500 mila euro"

Nessun passo indietro e nessun compromesso sulla cosiddetta "pace fiscale".

La seconda categoria "la cui entità non è calcolabile ma si presume rilevante dato il tasso di evasione presente in Italia e il boom delle due precedenti rottamazioni, è quella di coloro che a maggio di quest'anno avevano in tasca una cartella e, vista l'aria di condono, hanno deciso di non partecipare neanche alla rottamazione bis nonostante il vantaggio di mettersi a posto con uno sconto medio del 35%".

La pace fiscale riguarderà tutti i debiti "fino a 500 mila euro" e sarà un intervento "a saldo e stralcio" non solo su interessi e sanzioni ma anche "sul capitale".

Il deputato del M5S Currò parla di 53.000 ricorsi in corso di giudizio in Cassazione, dove nella maggior parte dei casi l'Agenzia delle Entrate risulta parte soccombente in primo e secondo grado. Il recupero di gettito avverrà non prima del 2022 e soprattutto nel 2023, quando si esaurirà l'effetto sulla riduzione della riscossione ordinaria e quindi il gettito complessivo tornerà a salire toccando rispettivamente 3,7 e 3,5 miliardi. riproduzione riservata ®. Da un lato essere un salasso per le casse pubbliche, dall'altro convincere ancora di più furbetti che fanno bene a non pagare le tasse, perché prima o poi l'ennesimo condono arriva.

"#PaceFiscale non sarà una rottamazione".

I motivi tirati in causa dal leader della Lega sono molti e vanno dalle concrete difficoltà dei cittadini costretti a lavorare in nero o ai lavoratori che si trovano a dover gestire una situazione economia difficile in seguito al fallimento della propria attività d'impresa, e di conseguenza si trovano sormontati dal debito col Fisco.

L'intenzione è quella di "intervenire non solo sulle sanzioni, ma anche sul capitale", ha continuato Salvini che ha poi specificato i dettagli.

Altre Notizie