Supercoppa, flop Sir Perugia con Trento

Supercoppa caduta di Perugia Trento in finale contro Modena

Un attacco di Kovacevic

La formazione di Velasco però ha saputo ritrovare la concentrazione e riprendere in mano le redini del match fino alla vittoria. Per vincere contro Perugia devi fare una partita fenomenale. Merito a Trento dunque, che ha saputo coadiuvare talento individuale e gioco di squadra conquistando con grande fervore la finale della Supercoppa Italiana di volley e aspetta l'esito della seconda semifinale che andrà in scena al Pala Barton di Perugia tra poco meno di un'ora. Non è meno messo bene pure Angelo Lorenzetti, allentare di Trento: il ct infatti potrà contare in questa stagione su nomi come quelli degli azzurri della nazionale Nelli, Giannelli e Candellaro, oltre che al bronzo mondiale di Aaron Russell e il sempre fondamentale libero Jenia Grebennikov, che pure sotto le insegne della Francia ha fatto vedere una condizione eccezionale nell'ultima competizione iridata.

Nel momento più difficile, sono le difese di Grebennikov e i contrattacchi di Russell ad aiutare i gialloblù a trovare la parità a quota 18. Zaytsev replica al suo ex compagno di squadra (19-20, time out Lorenzetti). Modena parte con il piede sull'acceleratore e con maggiore aggressività nella fase finale dei due set riesce a portarsi sul 2-0 con i parziali di 25-23 e 25-19. Risponde Leon per Perugia, poi ancora Trento che va fino all'1-3 con Candellaro.

Trento prova a reagire in avvio di terzo parziale, poggiandosi sul suo servizio e sul muro (8-3). Subito doppio vantaggio Itas con Russell e Giannelli (0-2).

Nel quarto set si torna a giocare punto a punto (6-5), sino a quando non si scatena Kovacevic che quasi da solo firma il +3 (11-8). Perugia arriva al set point con l'errore al servizio di Lisinac (24-23). "Stare in campo ora ci serve per migliorare l'intesa, ma siamo contenti per la vittoria e per l'opportunità di crescita che ci ha dato questo match".

ARBITRI: Goitre di Torino e Simbari di Milano. Siamo partiti bene, poi abbiamo avuto un calo ma loro sono cresciuti mettendoci in difficoltà, soprattutto con Giannelli in battuta e con il muro.

Debutto in gare ufficiali per il fuoriclasse cubano naturalizzato polacco che, tuttavia, si vede respingere - muri vincenti di Trento - i primi due attacchi; quindi il riscatto con l'ace numero uno della sua carriera in bianconero. Azimut Leo Shoes: 7 muri, 10 ace, 18 errori in battuta, 7 errori azione, 48% in attacco, 40% (27%) in ricezione. Ogni giocatore di questa squadra può portare qualcosa.

A fine partita ha parlato di "brutto risveglio" l'allenatore di Perugia Lorenzo Bernardi. Con così poco lavoro insieme non era scontato farlo ed invece ci siamo riusciti.

Buongiorno e benvenuti alla DIRETTA LIVE di Modena-Trento, Finale della Supercoppa Italiana 2018 di volley maschile. Il set si chiude 25-16.

AZIMUT LEO SHOES: Urnaut 10, Anzani 5, Zaytsev 25, Bednorz 11, Holt 10, Christenson 6, Rossini (L); Mazzone 2, Kaliberda 3, Pierotti.

Altre Notizie