Premio Nobel per Chimica assegnato a due americani e un britannico

Premio Nobel per la Chimica 2018

Un Nobel alla chimica «verde»

Il premio Nobel per la Chimica 2018 è stato assegnato agli americani Frances H. Arnold e George P. Smith e al britannico Sir Gregory P. Winter per una scoperta "green". Mutazioni casuali possono alterare alcune cose: a volte il risultato sono organismi più deboli e svantaggiati, altre volte organismi migliori che portano alcuni esemplari di una generazione a prevalere.

Frances H. Arnold nel 2013 si era aggiudicata anche il premio Eni Award 2013 per le Energie Rinnovabili Directed Evolution of Enzymes and Pathways for Renewable Fuels and Chemicals.

Grazie all'evoluzione si è resa possibile la prosecuzione della vita sulla Terra. "Ci sono tante donne brillanti nella chimica". La chimica della vita è presente nei nostri geni, che vengono trasmessi tra le generazioni. La Arnold è la quinta donna a conseguire un premio Nobel in oltre un secolo.

Gli altri due scienziati ad aver vinto il premio Nobel per la Chimica 2018 sono due uomini.

La tecnica premiata, chiamata 'phage display', ha permesso di trasformare i virus che infettano i batteri, chiamati batteriofagi, in fabbriche di proteine: "permette - osserva la ricercatrice - di ottenere librerie molto diversificate di peptidi o proteine, tra cui enzimi ed anticorpi, da cui selezionare in tempi brevi molecole con definite proprietà e specificità". Ha creato in sostanza una sorta di fabbrica di proteine.

Frances H. Arnold è stato premiato per il suo studio sul controllo degli enzimi, mentre George P. Smith e Sir Gregory P. Winter hanno ricevuto il riconoscimento per il loro lavoro di ricerca sulla genetica dei batteriofagi e sugli anticorpi.

Altre Notizie