Si è dimesso il presidente della Consob Mario Nava

Consob, Nava presenta le dimissioni. Commissione riunita d'emergenza

Consob, si dimette il presidente Nava. Di Maio: «Ora un servitore dello Stato»

"Contrariamente all'avviso espresso dal precedente governo - spiegano Francesco D'Uva e Stefano Patuanelli (M5s) con Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo della Lega - Nava, in quanto dipendente di un'istituzione sovranazionale, è incompatibile con la presidenza di un'autorità indipendente italiana, il cui ruolo è quello di garantire l'ordinato funzionamento del mercato finanziario nazionale". Lega e M5S cantano vittoria.

Le discussioni sono sorte nel momento in cui l'economista cinquantaduenne, a tutti gli effetti funzionario europeo, è giunto in Consob "in distacco" e non "fuori ruolo" come previsto invece dalla legge istitutiva della Commissione.

Le dimissioni di Nava dalla Consob sono state accettate in occasione di una riunione convocata d'urgenza diverse ore fa. I poteri estremamente penetranti attribuiti a questa autorità impongono la massima attenzione nell'evitare situazioni di potenziale conflitto di interesse. Non si esclude, però, che la Commissione abbia comunque chiesto all'ormai ex presidente di optare per l'aspettativa, una strada pensata per "aggirare" l'incompatibilità tra i due ruoli ricoperti.

In base alle regole comunitarie il dirigente Ue in "comando" mantiene privilegi e immunità rispetto alla giurisdizione nazionale, deve riferire due volte al mese sull'operato all'amministrazione che lo ha comandato ed è remunerato da questa: la Consob versa alla Commissione ogni mese lo stipendio, che Bruxelles gira poi al presidente Nava con una tassazione limitata al 7% (contro il 40% circa nazionale).

"La Commissione ha preso atto della irrevocabilità della decisione, ha accettato le dimissioni con decorrenza da oggi e ne ha dato comunicazione al Presidente del Consiglio dei Ministri".

Oettinger all'inizio di settembre aveva chiarito che la scelta del "comando" triennale - contestata dal Movimento anche perché il mandato in Consob dura sette anni - è stata concordata con le autorità italiane dopo aver verificato che "non avrebbe inciso sulla sua indipendenza". Cinque mesi fa aveva assunto l'incarico di presidente della Consob distaccandosi dalla Commissione europea, con l'approvazione della presidenza del Consiglio, della presidenza della Repubblica, della Corte dei Conti e della stessa Commissione europea. "Il non gradimento politico limita l'azione della Consob in quanto la isola e non permette il raggiungimento degli obiettivi sopra ricordati".

Il numero uno della Consob Mario Nava continua a essere assediato dalle richieste degli esponenti del M5S e della Lega di rassegnare le dimissioni.

Altre Notizie