Macron lancia il "reddito universale di attività"

ANSA  EPA									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA EPA +CLICCA PER INGRANDIRE

Per combattere la povertà Macron lancia un piano da 8 miliardi in quattro anni. Il presidente francese, Emmanuel Macron, il 13 settembre ha presentato una serie di misure che puntano a "eliminare le disuguaglianze del destino che si perpetuano di generazione in generazione" e consentire alle persone di "uscire dall'indigenza". "Fai di più per chi ha meno" è lo slogan che accompagna la presentazione della "Strategia nazionale per la prevenzione e la lotta alla povertà". "C'è in ogni bambino, a cominciare da un bambino che nasce in una famiglia povera, un Mozart che viene assassinato perché si decide che non ha alcuna chance di diventare Mozart". Macron, come riportato da Rai News, ha usato parole forti per definire il suo piano di lotta alla povertà:"Quando si è poveri, non lo si è scelto, è il determinismo di tutti i determinismi". In particolare il capo dell'Eliseo vuole "accesso universale" alla mensa per i bambini più svantaggiati "prevedendo pasti a un euro" nelle piccole città e nei quartieri più svantaggiati del Paese. Una misura già attuata da diverse amministrazioni.

Emmanuel Macron, in evidente difficoltà tra scandali, ministri in fuga e sondaggi in picchiata, ha annunciato l'introduzione del reddito universale entro il 2020. L'struzione verrà supportata anche da risorse aggiuntive destinate ad identificare gli abbandoni nel sistema scolastico, e da un fondo per l'innovazione sociale da 100 milioni di euro per diffondere nuovi metodi di apprendimento in tutto il Paese.

"Con una legge nel 2020, creeremo un 'reddito universale di attività' per permettere a ognuno di vivere in modo decente", ha annunciato Macron, precisando che sarà un reddito "universale perché ognuno potrà pretenderlo non appena i suoi redditi passeranno al di sotto di una certa soglia".

Macron ha poi sottolineato che questa forma di aiuto sarà un "contratto di impegno e di responsabilità reciproca", ovvero sarà accompagnata da "diritti e doveri ulteriori". Chi accede al nuovo reddito dovrà "seguire un percorso di inserimento professionale in cui sarà impossibile rifiutare più di due offerte di lavoro consecutive".

Altre Notizie