Bimbo no vax resta isolato all'asilo, arrivano anche i carabinieri

Torino il bimbo No Vax entra all'asilo ma finisce

Una manifestazione No Vax

"Quando la collega mi ha parlato del suo paziente - spiega la dottoressa - ho pensato che questa situazione fosse indegna di un paese civile". Ora il piccolo Thomas (nome di fantasia, ndr), dopo chemio e trapianto, è costretto a rimanere a casa da scuola perché cinque bambini "no vax" della sua classe non sono vaccinati e, senza difese immunitarie, lui rischierebbe di morire. Il medico ha provato indignazione per le numerose opinioni, non scientifiche, che stanno circolando sull'argomento, specialmente da alcuni esponenti politici [VIDEO]. "Questo è un caso che ancora non ci siamo trovati ad affrontare concretamente - chiarisce il direttore generale Francesco Benazzi -.Effettivamente è una situazione che può porsi per un bambino che abbia superato una leucemia o per altri bambini immunodepressi: è opportuno che non frequentino bambini non vaccinati".

Intanto il mondo politico interviene, proprio partendo dal 'Milleproroghè. Ettore Rosato (Pd), vice presidente della Camera, critica la probabile eliminazione dell'obbligo vaccinale previsto dalla cosiddetta legge Lorenzin. Vivendo in un piccolo paese della campagna veneta, i genitori del piccolo non possono nemmeno cambiarlo di classe visto che nell'unica altra sezione della scuola i bambini non vaccinati sono 3. "Vaccinarsi non è solo un gesto che ci mette al riparo da malattie prevenibili, ma anche un gesto di solidarietà con cui ci prendiamo cura dei più deboli", ha detto Andrea Iacomini di Unicef Italia.

"Lo dica lei, dottoressa, quali sofferenze ricadono su una famiglia che, dopo aver affrontato la leucemia di un bambino, ora non può neppure permettergli di tornare a scuola perché si ritroverebbe circondato da compagni non vaccinati".

Sul caso, nella serata del 11 settembre, è intervenuto anche Roberto Burioni, il virologo, da tempo impegnato in una battaglia per sostenere le ragioni della scienza contro i no-vax, che si è rivolto con un tweet alla Asl locale con un appello a sensibilizzare tutti sui diritti del bambino.

Altre Notizie