Migranti, Salvini: "Di questo passo ci vorranno 80 anni per rimpatriarli tutti"

Marcia indietro del ministro degli interni Salvini nei confronti della magistratura

Migranti, Salvini ammette: " Di questo passo per rimpatriarli tutti ci vorranno 80 anni"

Dopo l'annuncio delle Nazioni Unite di ispettori in arrivo in Italia per l'aumento di casi di razzismo, il ministro degli Interni Matteo Salvini contrattacca: "All'Onu l'Italia dà più di 100 milioni all'anno di contributi e ragioneremo con gli alleati sull'utilità di continuare a dare questi 100 milioni". E Salvini torna ad annunciare nuovi patti addirittura con tutti i paesi di origine di chi arriva. L'attuale Ministro dell'Interno si è soffermato, in particolare, sulla manovra [VIDEO] Finanziaria e sulla questione migratoria: "Ci stiamo preparando ad una manovra basata sulla crescita. Ormai ho capito che ogni mattina prima di chiamare i miei figli devo guardare come sta lo spread", ci scherza su. E quindi questo è un dossier su cui sto lavorando, su alcuni Paesi - dice ancora il leader leghista e titolare del Viminale - siamo già abbastanza avanti, in Tunisia ci andrò a settembre perchè i tunisini sono arrivati in più di quattromila quest'anno ed è la nazionalità più presente. "Io posso essere criticato su tante cose, ma che sia un delinquente e un sequestratore penso possa far ridere", ha aggiunto il vicepremier riferendosi all'indagine sulla Diciotti. Se oltre ai tunisini espelliamo nigeriani e altri, cento in tutto, ecco che i conti sono fatti: "ci mettiamo ottant'anni a recuperare i cinque-sei-settecento mila immigrati entrati in Italia".

"Stiamo lavorando per fare quello che in vent'anni non si è fatto: accordi di espulsione e rimpatrio assistito con tutti i Paesi di provenienza di questi ragazzi e di queste ragazze".

Altre Notizie