Reddito di Cittadinanza ultime notizie: l'annuncio del Ministro Tria

Quota 100 Reddito di Cittadinanza e Flat Tax ecco le mosse del governo per la Finanziaria

Governo, via gli 80 euro di Renzi: il bonus sarà usato per finanziare la flat tax

"Il negoziato è in corso e per il momento non depone male", spiega Il Corriere. Non si può sicuramente pretendere di avere tutto e subito. Il vicepresidente della Camera pungola ancora una volta gli alleati di centrodestra: "La verità è che reddito di cittadinanza e flat tax insieme non si possono fare". Le misure saranno graduali ma l'idea è dare segnali forti e definire nella legge di bilancio 2019, triennale, un percorso di tagli alle aliquote.

In una legge di Bilancio dove si sta cercando disperatamente di reperire le risorse per, perlomeno avviare, le tante promesse elettorali fatte prima del 4 marzo, i 9 miliardi che verrebbero risparmiati dalla cancellazione del bonus sarebbero senza dubbio una manna dal cielo. Fonti del Mef lo ribadiscono ancora in mattinata, nonostante il fuoco di fila di Di Maio e Salvini.

Anche Forza Italia interviene a gamba tesa nel dibattito: "Dopo quello sull'aumento dell'Iva, il balletto sugli 80 euro che vanno tolti, anzi no. Ancora una volta il governo non è capace di individuare un obiettivo condiviso ed è costretto a mezze smentite", dice Mara Carfagna.

Secondo diversi quotidiani infatti, Movimento 5 Stelle e Lega di comune accordo con il premier Conte e il ministro dell'Economia Giovanni Tria, avrebbero deciso di stoppare il bonus che al momento viene percepito da 11 milioni di italiani. A ricondurre l'ipotesi sui giusti binari (fuori da un possibile scontro di governo) ci pensa anche il viceministro leghista all'Economia Massimo Garavaglia: "Non c'è intenzione di toccare l'Iva, al netto di qualche piccolo aggiustamento". La trasformazione del bonus in una riduzione fiscale, come nei piani del governo M5S-Lega, non rappresenterebbe un vantaggio per i lavoratori a più basso reddito. Il governo "non vuole fare il gioco delle tre carte, non tireremo la coperta da una parte per scoprirla dall'altra", prova a rassicurare Di Maio. E dal Pd, mentre Matteo Renzi gongola per le parole di sostegno dei pentaleghisti agli 80 euro, Maurizio Martina ammonisce a non tagliare le tasse ai più poveri "per pagare la flat tax ai ricchi": è questo, denuncia il Pd, il "rischio".

Da una nota diffusa nel corso della scorsa settimana in merito alla possibilità di sviluppare tali piani, si apprende che si "confermano la compatibilità tra gli obiettivi di bilancio già illustrati in Parlamento e l'avvio delle riforme contenute nel programma di governo in tema di flat tax e reddito di cittadinanza".

Altre Notizie