Il decreto dignità è legge Ecco tutti i contenuti

Il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati

Il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati

Ma già si attende una circolare chiarificatrice del ministero perché tra l'entrata in vigore del decreto e la sua conversione in legge - e con l'introduzione di un periodo transitorio - si è creata una situazione molto confusa, con quattro diversi regimi vigenti nel giro di pochi mesi.

Il decreto era stato approvato dal governo all'inizio di luglio, ma aveva incontrato subito numerose difficoltà e problemi per via dei numerosi errori contenuti al suo interno che ne avevano ritardato la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. Per il mondo dello sport, e soprattutto per il calcio, ci saranno forti ripercussioni con la parte riguardante il divieto di pubblicizzare giochi e scommesse: è stato infatti confermato l'inasprimento delle multe (inserito in prima approvazione alla Camera) per coloro che non le rispettano, che sono comprese dal 5% al 20% del valore della sponsorizzazione. Finalmente i cittadini segnano un punto: "cittadini 1, sistema 0".

Il bonus del 50 per cento è valido anche per le assunzioni a tempo indeterminato con un contratto part-time, sempre con un limite di 3mila euro l'anno calcolato in base alla percentuale di part-time previsto dal contratto di lavoro.

Voucher. I "buoni lavoro" saranno utilizzabili in agricoltura e in alberghi e strutture ricettive operanti nel settore del turismo che abbiano fino a otto dipendenti. La norma prolunga la misura che altrimenti, a partire dal 2019, sarebbe stata riservata solo ai lavoratori sotto i 30 anni.

Fisco. Sei mesi in più per il debutto della fattura elettronica nei rifornimenti di carburante, che slitta a gennaio 2019. Estesa a tutto il 2018 la compensazione delle cartelle esattoriali per i crediti commerciali delle imprese nei confronti della pubblica amministrazione.

Delocalizzazioni.L' impresa che riceve finanziamenti statali per gli investimenti produttivi non potrà spostare per almeno cinque anni la sua attività o una sua parte (quella per cui ha ricevuto gli aiuti) dall'Italia. Anche il beneficio andrà restituito con interessi maggiorati fino a cinque punti. Eliminato anche il limite di 36 mesi per i precari della scuola (docenti, amministrativi, tecnici e ausiliari). Il concorso sarà riservato ai diplomati magistrali e ai laureati in Scienze della formazione primaria. Il minimo della sanzione sarà di 50mila euro. Sul fronte dei giochi si vieta la pubblicità e aumenta il prelievo erariale unico sulle vincite (preu) da apparecchi da gioco.

Anche sui gratta e vinci, come sui pacchetti di sigarette, è destinata a comparire la scritta "nuoce alla salute".

Altre Notizie