Niccolò Bettarini mostra le ferite rimaste dopo l'accoltellamento

Gossip Niccolò Bettarini cambia vita dopo l'aggressione: l'annuncio inaspettato Tiziana Terranova

Niccolò Bettarini toglie il tutore e mostra i segni delle coltellate sul braccio e sul fianco: 'Una è arrivata vicino al fegato e poteva perforarmi il polmone'

Niccolò Bettarini, il primogenito della celebre showgirl televisiva Simona Ventura e dell'ex calciatore Stefano Bettarini, è tornato alla ribalta della cronaca - dopo la terribile aggressione subita recentemente all'uscita da una nota discoteca milanese - per alcune sue dichiarazioni circa la sua vita ed i suoi impegni professionali. Qui, il figlio 19enne di Stefano Bettarini e Simona Ventura [VIDEO] è stato brutalmente aggredito da un gruppo di malintenzionati.

"Ribellarsi, ribellarsi e ribellarsi ancora, finché gli agnelli non diventeranno leoni": sono queste le parole scelte da Niccolò Bettarini per accompagnare le foto in cui mostra per la prima volta le ferite. "Ricorderò per sempre che in ambulanza, nella mia testa, ho improvvisamente iniziato a pensare: Non voglio morire così..." E a quel pensiero ho dato voce.

E' stato un tentato omicidio quello di cui è stato vittima il giovane Niccolò Bettarini che, stando alla ricostruzione dei fatti fatta dagli uomini delle forze dell'ordine - dopo aver ascoltato i testimoni dell'accaduto e visionato le telecamere di sicurezza presenti nelle immediate vicinanze della zona dell'agguato - nel voler aiutare un amico è stato riconosciuto come "figlio di" e per questo punito dagli aggressori che hanno attentato alla sua vita. Nella foto pubblicata su Instagram ha mostrato i segni delle coltellate. L'ho gridato ai medici, a tutti, per tutto il tragitto che l'ambulanza ha percorso fino all'ospedale. Ho sentito che mi avevano riconosciuto e "volevano ammazzarmi" perché sapevano chi fossi. Una costola, spezzandosi, ne ha rallentato l'affondo. Mi ricordo di essere caduto a terra e Zoe si è buttata sopra di me per proteggermi da quella furia di violenza. "Farò di tutto per cercare di tornare a giocare al più presto nella mia squadra, la Triestina". "Uscire vivi da situazioni del genere ti cambia profondamente", ha aggiunto.

Altre Notizie