È morto Jimmy il Fenomeno, caratterista del cinema italiano

Addio a'Jimmy il Fenomeno

E' morto Jimmy il Fenomeno: uno dei più grandi caratteristi del cinema italiano

Il caratterista si è spento lunedì 6 agosto all'età di 86 anni in una casa per anziani di Milano.

Più che un attore nel senso classico, Luigi Origene Soffrano (all'anagrafe portava questo nome un po' filosofico) era una faccia sbilenca che appariva all'improvviso, contagiando la risata collettiva, semplice di platee domenicali e conquistava non con la bellezza ma con i suoi occhi strabici, la sua parlata dialettale, non accademica.

Negli anni Ottanta è sbarcato in televisione e ha partecipato al programma Drive In di Antonio Ricci, facendo da spalla ad Ezio Greggio. Tanti i film nei quali ha recitato tra cui 'Il monaco di Monza', 'Fantozzi', 'La liceale nella classe dei ripetenti', 'Fico d'India', 'Il bisbetico domato', 'I fichissimi', 'Innamorato pazzo', 'Acqua e sapone' e il 'Il ragazzo di campagna'. Il suo momento d'oro è stato tra gli anni 70 e 80, quando girava anche quattro o cinque pellicole all'anno: del resto, è apparso in decine di commedie sexy dell'epoca. Personaggio amato anche al di fuori dei confini cinematografici, presenza fissa in trasmissioni sul calcio, invitato dalle società come portafortuna.

Costretto su una sedia a rotelle da molti anni e con diversi problemi fisici, l'attore si è ritrovato negli ultimi anni in uno stato di indigenza, tanto che nel 2010 lanciò un appello perché gli venisse riconosciuto il sovvenzionamento della Legge Bacchelli (fondo previsto da una legge del 1985 a favore di cittadini illustri che versino in stato di particolare necessità). I funerali si svolgeranno mercoledì alle 11.

Altre Notizie