Milan, la Procura di Milano indaga per sospetto falso in bilancio

Yonghong Li indagato per falso in bilancio a Milano

Milan riammesso dal Tas , Li indagato per falso in bilancio

L'ormai ex proprietario del Milan accusa il fondo di aver "orchestrato un default anticipato, non giustificato da alcuna violazione dei covenant del Milan". Da qui è partita l'inchiesta, rafforzata tra l'altro dall'insolito takeover di Elliott: la Procura si chiede come sia possibile che un soggetto che in totale ha investito (tra prestiti e ritardi) 698mln nel Milan, se lo sia poi fatto sfilare per 32mln, rifiutando tra l'altro ogni offerta d'acquisto in modo goffo e improvvido. Intanto, però, secondo la ricostruzione che ne fa Il Sole 24 ore in un articolo apparso quest'oggi, i magistrati hanno messo sotto la lente di ingrandimento il fallimento della Jie Ande, una delle sue proprietà, dato che l'ipotesi investigativa è che Li avrebbe basato la presentazione del suo patrimonio su fondi che sarebbero inesistenti.

Il Corriere della Sera riporta, in esclusiva, un'indagine a carico di Yonghong Li. Rigettata "la richiesta del Milan di ordinare all'Uefa la conclusione di un accordo transattivo", il Tas ha così deciso di rinviare il caso alla Camera arbitrale ritenendola "in una posizione migliore" rispetto allo stesso Tribunale sportivo "per irrogare una sanzione disciplinare proporzionata sulla base dell'attuale situazione finanziaria del club".

Reato di false comunicazioni sociali.

Milan inchiesta sulla vendita ipotizzato reato di riciclaggio
Milan, la Procura di Milano indaga per sospetto falso in bilancio

In questo momento la Guardia di Finanza di Milano sta acquisendo documenti negli uffici di diversi intermediari finanziari che hanno partecipato all'acquisto della società da Berlusconi per poi cederla al gruppo Elliott. Nella giornata in cui i rossoneri vengono riammessi in Europa League grazie al riscontro positivo ottenuto davanti alla commissione del Tas di Losanna, arriva un'altra notizia importante che riguarda l'ambiente milanista.

Dopo aver rilevato il club da Silvio Berlusconi, Yonghong Li non è riuscito a ottemperare la scadenza relativa all'aumento di capitale, non versando i 32 milioni di euro necessari. "C'è molto da fare e siamo ansiosi di sfruttare il momentum positivo creatosi oggi", ha dichiarato il neo presidente Scaroni. Adesso aperta una indagine dalla Procura di Milano per falso in bilancio: attesi aggiornamenti nel corso delle prossime ore.

Altre Notizie