Mondiali 2018, si rischia una vera e propria rivoluzione: ecco perché

LUIS ACOSTA via Getty Images

LUIS ACOSTA via Getty Images

Il Mondiale 2018 sta regalando sorprese incredibili: dopo la clamorosa eliminazione della Spagna per mano della Russia e quella dell'Argentina con la Francia, ecco che il Brasile è stato costretto a salutare definitivamente la Coppa del Mondo di Russia dopo la sconfitta nei quarti di finale contro il Belgio.

Un nuovo modo di vedere la Serie A e la Serie B: scopri l'offerta!

Avrà occasione di rifarsi anche Neymar, del quale si è parlato di più per le capriole dopo i falli subiti (e non) rispetto che per le giocate decisive in campo. "Per questo sarò sempre grato a Dio anche nella sconfitta". "Sono molto felice di far parte di questa squadra, è stato interrotto il nostro sogno ma non ha tolto nulla dalla nostra testa e dai nostri cuori". A meno che l'addio di Cristiano Ronaldo al Real Madrid non gli spalanchi le porte di una nuova avventura. Il numero 10 della Seleção, in questi giorni, si è trasformato in una sorta di bersaglio mobile, centro gravitazionale di tutte le critiche rivolte alla nazionale guidata da Tite. Difícil encontrar forças pra querer voltar a jogar futebol, mas tenho certeza que Deus me dará força suficiente pra enfrentar qualquer coisa, por isso nunca deixarei de te agradecer Deus, até mesmo na derrota... porque eu sei que o teu caminho é muito melhor do que o meu ❤ Muito feliz em fazer parte desse time, estou orgulhoso de todos, interromperam nosso sonho mas não tiraram da nossa cabeça e nem dos nossos corações ❤.

Altre Notizie