Esperto commenta dichiarazione Trump "Germania controllata da Russia"

Joshua Roberts  Reuters

Joshua Roberts Reuters

Mercoledì mattina, Trump ha tenuto una breve colazione di lavoro con il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg, dove ha sollevato tali questioni.

"Non dovrebbe essere permesso di farlo a Berlino, la Germania è completamente controllata dalla Russia, e ditemi se questo è accettabile", ha continuato il presidente degli Stati Uniti.

"Ci sono paesi come la Polonia che invece non accetterebbero il gas russo perché sarebbero prigionieri della Russia", ha proseguito Trump. "Versano miliardi di dollari nei forzieri russi: si suppone che noi vi proteggiamo dalla Russia, ma stanno pagando miliardi di dollari alla Russia".

"La Germania paga poco più dell'1% nella NATO, mentre noi paghiamo molto, e da molti anni, e nessuno dei precedenti presidenti ha fatto nulla in proposito". Il 28esimo vertice della Nato arriva in mezzo a tensioni inedite tra le due sponde dell'Atlantico, mai come ora divise su una serie di materie, dalla lotta al cambiamento climatico alle tensioni sul commercio internazionale, con la minaccia dei dazi Usa sulle auto importate dall'Ue che pende sul Vecchio Continente, dopo l " aperitivo' delle tariffe su acciaio e alluminio. "Un ex cancelliere - ha detto Trump - guida questo progetto", riferendosi all'ex leader della Spd Schroeder.

Sull'emittente radiofonica Sputnik un esperto indipendente nel campo dell'energia, un editorialista dell'agenzia di stampa federale Nikolai Khrenkov ha commentato queste affermazioni. Per quanto riguarda le forniture di gas, non è un segreto che Trump eserciti pressioni sugli interessi delle compagnie di gas americane in modo da ottenere un ulteriore mercato di sbocco nell'UE. Penso che sia possibile preservarla ma serve un impegno politico. La rappresentante permanente degli Usa presso la Nato, Kay Bailey Hutchison, ha ammesso oggi che Trump potrebbe riaffermare l'impegno Usa alla difesa collettiva solo durante gli incontri con gli altri capi di Stato, e non pubblicamente.

"Noi - ha detto Trump - dobbiamo pagare per difendere questi paesi dalla nazione con cui fanno affari", cioè la Russia.

Altre Notizie