Thailandia, salvati i primi sei bambini. Due già fuori dalla grotta

Ragazzi intrappolati nella grotta: muore uno dei soccorritori

Thailandia. Muore un soccorritore nella grotta dove sono in corso le operazioni di recupero di 12 ragazzi

Lo ha detto Tossathep Boonthong, capo del dipartimento della salute di Chiang Rai.

"Hanno raggiunto la camera tre e usciranno a breve dal complesso di grotte", ha detto il portavoce del ministero della Difesa del Paese, il generale Kongcheep Tantrawanit. "Stanno facendo dei controlli", ha aggiunto. Il primo ragazzino è uscito alle 17.40 locali, il secondo alle 17.50. Lo ha riferito l'inviato di Skynews sul posto.

Gran parte dell'acqua, ha spiegato il governatore, è stata prosciugata con le pompe e "si può fare per lo più a piedi". La speranza che si possa scavar per estrarre i ragazzi dall'alto non è definitivamente tramontata, ma è chiaro che i soccorritori credono che la via principale sia ancora il percorso inverso verso l'entrata della grotta. L'operazione riprenderà alle 8 locali, con il morale dei soccorritori rafforzato dal successo della prima missione con cui è stato salvato il primo gruppo di bambini. I sub dovranno percorrere 1,7 chilometri, per un totale tra andata e ritorno che richiederà 11 ore. Sono i primi due ragazzi a rivedere la luce poco prima delle 14, ora italiana. Un cunicolo era stato individuato a 150-200 metri da dove si trovano i ragazzi.

I media thailandesi esprimono lo stesso sentimento: il suo spirito di sacrificio (prima del salvataggio ha rinunciato per giorni alla sua parte di cibo per darla ai ragazzi) e la sua dedizione hanno colpito l'opinione pubblica, mossa anche dalla sua storia personale da orfano di entrambi i genitori. "Stasera, potremo tutti dormire bene".

Le forze sono tornate solo parzialmente, e la vita nel ventre della montagna è debilitante: sono state segnalate le prime infezioni batteriche. Sono 90 i sub impegnati nelle operazioni di soccorso. E non c'è più tempo da perdere. "Altrimenti perderemo l'opportunità". Da alcuni giorni si stava studiando il modo e i tempi di intervento.

Tutto il mondo segue con ansia le sorti dei 12 ragazzi rimasti intrappolati, insieme al loro allenatore, nella grotta Tham Luang. Sarà recuperata una persona per volta.

La priorità per il salvataggio è stata data ai ragazzi, l'allenatore della squadra di giovani calciatori sarà l'ultimo a uscire. Diversi elicotteri sono pronti per il soccorso. Una cosa descritta come complicata anche per esperti di immersione.

Altre Notizie