Thailandia: salvati i primi bambini dalla grotta

Ragazzi intrappolati nella grotta: muore uno dei soccorritori

Thailandia. Muore un soccorritore nella grotta dove sono in corso le operazioni di recupero di 12 ragazzi

Hanno guardato avanti senza porsi troppe domande.

Il governatore della provincia del nord della Thailandia in cui sono in corso le operazioni per il salvataggio dei ragazzi intrappolati nella grotta di Tham Luang ha parlato ai giornalisti a Chang Rai.

Secondo lui, altri due bambini sono sulla strada. Per quanto, non si sa: ogni ragazzino ha una maschera facciale a ossigeno, una muta resistente alle asperità delle rocce, guanti rinforzati per potersi tenere lungo la sagola, il filo di Arianna steso per quattro chilometri e che dovrebbe portarli fino all'ingresso principale delle cavità.

Secondo le prime indiscrezioni riportate dal Bangkok Post, i ragazzi saranno divisi in un primo gruppo di quattro persone, seguiti da tre gruppi di tre.

Per cercare di rendete più agevoli le operazioni, sono stati drenati 10mila litri di acqua all'ora e sono stati bloccati due torrenti che corrono nella grotta.

In Thailandia una squadra di calcio di bambini di età compresa tra gli 11 e i 16 anni e il loro allenatore sono ancora intrappolati in una grotta della Thailandia. Il governatore ha avvertito che potrebbero volerci due giorni per concludere la missione. Le operazioni sono iniziate quando in Thailandia erano le 10 del mattino, le 5 ora italiana.

Sei ragazzi sono già salvi. Lo ha confermato il Ministero della difesa. Non sono state fornite spiegazioni a riguardo, si sa solo che nella zona dei soccorsi è stato affisso un foglio con scritto "vietata l'entrata" a Ben Reymenants, corredata da alcune foto del sommozzatore, che gestisce un business di immersioni a Phuket. Per quegli 1,7 km di distanza dalla banchina fangosa dove il gruppo è bloccato alla "terza caverna", ossia la base di rifornimento più vicina, possono servire fino a tre bombole a testa per tre ore di traversata. I giovani già fuori dalla grotta saranno trasportati, tramite elisoccorso, negli ospedali della regione. Un intero piano dell'ospedale Prachanukroh di Chiang Rai è stato riservato per il gruppo. L'allenatore era stato segnalato come il più debole, anche perché per giorni aveva rinunciato alla sua parte di cibo, lasciandola ai suoi ragazzi. Ma il comandante della marina thailandese ha detto che non ci sono molte alternative, considerato l'arrivo imminente del monsone.

Le operazioni di recupero infatti sono molto complicate a causa delle piogge e del livello delle acque presenti nella grotta. In attesa di annunci ufficiali, sembra che la finestra utile per i soccorsi si stia rapidamente chiudendo. Una pioggia battente per un paio d'ore accompagnata da tuoni ha cambiato l'aria attorno alla grotta, in tutti i sensi.

Altre Notizie