Montella: "Clamoroso vedere il Milan senza coppe. L’esonero? Ingiusto"

Milan Montella

Montella: "Milan, meritavo più tempo. E Gattuso mi ripeteva una cosa..."

Era stato avviato un progetto che si è interrotto ingiustamente, alla società è mancata la pazienza. Dove c'è un cambio di società e una rivoluzione di calciatori, di cui solo uno con una storia da Champions (il riferimento è a Bonucci, ndr). Credo invece che avrei meritato un po' di tempo in più. È una follia che nella prossima Serie A l'Italia finisca a Napoli?

Montella svela una chiacchierata con Gattuso in cui l'attuale tecnico chiedeva all'ex allenatore di non esaltare la squadra perché non era forte: "Avrei preso anche io quella opportunità". L'aeroplanino - ancora a caccia di una squadra dopo il doppio esonero in un anno coi rossoneri e con il Siviglia - si è soffermato anche su un pensiero tutto viola, a proposito di quello che da allenatore gli ha dato maggiori soddisfazioni: "Ne dico due: vincere la Supercoppa col Milan e vedere come giocava la mia Fiorentina", ha risposto Montella, che poi ha anche aggiunto: "L'esonero al Mialn?" E' giovane, può crescere. L'obiettivo era la Champions e io ho cavalcato le aspettative. Certo, vederla fuori dalle Coppa è clamoroso. Con Franco non ho avuto problemi, mentre con Sabatini ci sono stati screzi durati fino a un chiarimento. Se non ti senti così, meglio non fare niente.

Se pensa a un giovane che avrà un futuro, chi nomina? . Che squadra vorrei allenare? "Mi piacerebbe tornare al Catania".

Altre Notizie