Germania: il ministro Seehofer pronto a dimettersi, governo a rischio

La Germania sull'orlo di una crisi di Governo. Seehofer boccia Merkel sui profughi

Migranti, Germania: coalizione governo si spacca. Seehofer si dimette

A proposito dei movimenti secondari, poi, ha dichiarato che "un accordo con l'Italia finora non è stato possibile" e si è detta dispiaciuta di quello che ha definito un "equivoco" con Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia, che hanno smentito di avere stretto accordi sull'immigrazione con la Germania.

E nella tarda notte, il ministro dell'Interno tedesco ha confermato ai cronisti anche personalmente l'intenzione di dimettersi, se non ci sarà un compromesso con la Cdu sui migranti: "È vero che ho messo a disposizione i mandati, e tirerò le conseguenze nei prossimi tre giorni". "È una decisione che io così non posso accettare", ha tuttavia commentato domenica sera il capogruppo regionale della CSU, Alexander Dolbrindt.

Nel governo di coalizione con la Spd, il partito socialdemocratico, diventa ministro dell'Interno. marzo 2018, assumendo il ruolo di titolare del dicastero dell'Interno con delega alla patria e alla comunità, l'ex ministro-presidente della Baviera annuncia il varo di un importante piano sui migranti incentrato su un giro di vite nei confronti degli irregolari entrati sul suolo tedesco.

Secondo alcuni analisti, la linea dura sui migranti della Csu e del suo leader Seehofer è connessa con le elezioni statali bavaresi in programma il prossimo autunno, in cui c'è il rischio di una affermazione del partito xenofobo l'Alternative für Deutschland (Afd).

La direzione della Cdu ha ripreso alle 8.30 nella sede del partito, la Konrad-Adenauer-Haus, i lavori della seduta notturna. "Se ogni Paese avvia misure nazionali, il problema non verrà risolto ma solo inasprito".

Il contenzioso ha finito per serrare le fila dell'Unione cristiano-democratica il cui direttivo ha approvato all'unanimità l'intesa raggiunta al Consiglio europeo e le posizioni della cancelliera e leader di partito in materia migratoria. Ministro dell'Interno del governo Merkel ha minacciato le dimissioni in seguito alla crisi dei migranti e all'esito controverso del vertice europeo della scorsa settimana. Fra Cdu e Csu è dunque muro contro muro.

Il ministro Seehofer chiede da tempo che si possano respingere i profughi verso i paesi dai quali sono entrati nel territorio comunitario, mentre Merkel è per una via più morbida e rifiuta qualsiasi via unilaterale.

Altre Notizie