"Una mela al giorno leva medico di torno", svelato il perché

Una immagine delle mele fra i frutti piu salutari

Una immagine delle mele fra i frutti piu salutari +CLICCA PER INGRANDIRE

"Una mela al giorno leva il medico di torno" recita un vecchio adagio. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, - Ladyblitz clicca qui -Cronaca Oggi, App on Google Play]. A dare una risposta in tal senso è stata nella specifica una ricerca italiana condotta dai ricercatori della Fondazione Edmund Mach in collaborazione con il CREA ovvero il Consiglio per la ricerca in Agricoltura e l'analisi dell'Economia Agraria. L'azione dei batteri intestinali risulta fondamentale poiché nessuno dei polifenoli presenti nelle mele viene ritrovato nel nostro corpo nel suo stato originario, ovvero così com'era nel frutto, ma sono tutti trasformati in composti dagli effetti protettivi e benefici. Alla base ci sarebbero i benefici polifenoli, molecole anti-infiammatorie, anti-diabete e anti-cancro contenuti nella polpa e nella buccia delle mele. Diversi studi scientifici hanno dimostrato che le mele sono depurative, riducono il colesterolo e tengono sotto controllo i livelli di glicemia nel sangue.

I ricercatori hanno seguito un gruppo di 12 volontari sani, che in due diverse volte hanno consumato una spremuta di mela di alta qualità e una arricchita in polifenoli della mela, per valutare come i polifenoli presenti nella mela fossero metabolizzati. E propongono una metodologia innovativa basata su tecniche multi-omiche (metabolomica e metagenomica) per correlare la biodisponibilità alla composizione del microbiota intestinale. Utilizzando tecniche metabolomiche, che permettono lo studio contemporaneo di un numero molto elevato di composti, i ricercatori hanno potuto descrivere la cinetica di metaboliti di particolare interesse, derivanti in particolare dalla floretina, dai flavanoli (catechine e procianidine) e dall'acido clorogenico.

In particolare lo studio ha evidenziato che il 40% dei metaboliti per poter entrare in circolo derivava da processi metabolici umani, mentre il 60% dal metabolismo dei batteri intestinali. I metaboliti derivanti dal metabolismo microbico sono risultati più persistenti, cioè capaci di rimanere in circolo per periodi molto più duraturo. La composizione del microbiota intestinale è quindi un fattore importante per mediare l'azione del consumo di mela. Infine, l'esperimento ha permesso di dimostrare che all'aumentare della ricchezza in polifenoli, aumentano le quantità dei loro metaboliti circolanti che dipendono dalla dose assunta.

Altre Notizie