Le sanzioni di Trump colpiscono il calcio: Iran senza scarpe ai Mondiali

Le sanzioni di Trump colpiscono il calcio: Iran senza scarpe ai Mondiali

Mondiali 2018, le sanzioni USA lasciano l'Iran senza scarpe

La politica del presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrà conseguenze anche sui Mondiali di Russia 2018. Accade quindi che Nike ha già comunicato alla nazionale iraniana guidato da Carlos Queiroz che in occasione dei mondiali la casa americana non potrà fornire l'attrezzatura a Shojaei e compagni. Nessun prodotto su misura come i colleghi delle altre nazionali, ma ciò che offrono i negozi: prodotti commerciali. Il ct Queiroz ha tuonato contro una decisione a suo modo di vedere ingiusta e dannosa: "I giocatori finiscono per abituarsi alla propria attrezzatura sportiva e non è giusto cambiarla meno di una settimana prima di partite così importanti".

"Problemi seri per l'Iran alla vigilia del via al Mondiale".

Il provvedimento ha colto di sorpresa la federazione iraniana, che già in passato aveva utilizzato i prodotti della Nike malgrado sanzioni analoghe, come in occasione della Coppa del Mondo del 2014 quando l'Iran era stato colpito dalle limitazioni stabilite (e poi tolte) da Obama in seguito all'accordo nucleare. "La Nike dovrebbe spiegare a quale parte delle sanzioni fa riferimento - ha commentato Parsi - dal momento che tecnicamente non vendono nulla, ma forniscono e basta". "L'Iran esordirà venerdì nel Gruppo B contro il Marocco", a riportare la notizia è l'edizione odierna de il Giornale.

Altre Notizie