Juventus, Allegri ammette: "Sì, ho rifiutato il Real"

Allegri “Spalletti fa l’attore ma la sua Inter lotterà per il titolo”

Juventus, Allegri: "Ecco perché ho detto no al Real Madrid"

Il tecnico della Juventus parla a Sky Sport 24. Al momento Allegri non si sbilancia: "Spero di sì ma prima di saperlo definitivamente bisogna aspettare il Mondiale".

" Ho detto no al Real Madrid perché avevo dato la mia parola al presidente Agnelli". Diciamo che ho detto sì alla Juventus: avevo dato la parola al presidente e per rispetto era giusto che restassi alla Juve. Si è parlato anche di un Chelsea dalla panchina ancora incerto: "Ho ringraziato tutti coloro che mi hanno cercato". Sono rimasto qui perché il progetto della Juventus si rinnova sempre, diventando di volta in volta più competitivo.

Il tecnico bianconero ha voluto glissare sulle domande relative al mercato: "Milinkovic Savic e Cancelo?". Un altro al futuro e a quella Champions che continua ad essere un obiettivo: "Magari il prossimo sarà l'anno buono - sorride - negli ultimi undici anni hanno vinto quattro volte il Real e altrettante il Barcellona". Messi e Ronaldo si sono divisi il titolo di capocannoniere e il Pallone D'Oro.

Adesso un Mondiale da vedere in qualità di appassionato: "Parte della nostra Nazionale la ritroverò subito a Vinovo. Gli altri, invece, si divertiranno e i favoriti sono molti".

DYBALA - "Non è l'anno di Dybala: ha fatto molto alla Juventus, ha avuto un momento di transizione a metà stagione perché ha pagato questi paragone con Messi. Lui deve solo pensare a fare quello che sa, senza cercare similitudini col più forte giocatore del mondo".

CESSIONI - "La Juventus ha una grande forza: accontentare quelli che vogliono andare via". Alla base di tutto è la solidità del club. Questa per me è una settimana di vacanza perché sono casa e poi stare insieme ai bambini e ad un gruppo di amici che mi aiuta, anzi organizzano tutto loro. Nella prossima stagione ci saranno squadre che vorranno batterci, abbiamo il Napoli con Ancelotti, la Roma che sicuramente crescerà, c'è anche l'Inter con Spalletti che fa sempre un l'attore ma lotterà per il titolo. Due finali in carriera e la stima di Florentino Perez, ma Allegri ha detto di no...

Altre Notizie