Diritti TV assegnati: Serie A 2018-2021 a Sky e Perform

James Rushton DAZN

Diritti tv: Mediapro s'è defilata, niente offerte! Sky nuovamente in pole position: le ultime

Le trattative sono gestite dal presidente della Lega Serie A, Gaetano Miccichè, assieme ai presidenti di alcuni club. Il ricavo totale, contando anche la cessione dei diritti all'estero, è di un miliardo e 400mila euro, più una parte variabile di circa 100 milioni in funzione di ricavi e abbonati dei due operatori. Confermo che riprenderà "90° minuto".

"90° minuto" resiste - Si salva 90° minuto: " Abbiamo richiesto e ottenuto maggiore elasticità da parte dei due soggetti aggiudicatari nella trasmissione dei prodotti in chiaro - ha confermato Miccichè -. "Ho appena chiamato il direttore generale della Rai per comunicarglielo". Siamo soddisfatti dell'offerta, sono andati a Sky e a Perform. Superata, dunque, la base d'asta di 1,1 miliardi di euro. "Alla fine tutto si è risolto come ci si aspettava".

E' ripresa nella sede di via Rosellini a Milano l'assemblea di Lega incentrata sull'assegnazione dei diritti televisivi della Serie A per il triennio 2018/21. "Si evita, ci sono già trattative in corso tra Sky e Perform". È infatti scaduto questa mattina il termine per la presentazione delle offerte, a cui poi farà seguito l'apertura delle buste. Mediaset, invece, è fuori dai giochi.

L'assemblea è chiusa per la fase dei rilanci, riaprirà alle 16.30. Entro le ore 20 la Lega serie A assegnerà i diritti televisivi del campionato del triennio 2018-2021. Nessuno dei tre pacchetti predisposti è stato assegnato, nonostante le offerte presentate da Sky, Mediaset e Perform.

Altre Notizie