Di Maio contro le imprese che delocalizzano

Lavoro Di Maio le delocalizzazioni vanno fermate

Il ministro Di Maio: le delocalizzazioni vanno fermate

"E' bastato fare ciò che avrebbero dovuto fare i governi precedenti, cioè dire 'l'Italia non può più farsi carico da sola di questa fenomeno globale'che finalmente si è attivato un altro Paese".

Il caso della nave Aquarius "segna un punto di svolta: da oggi l'Italia non è più sola" nella gestione degli arrivi dei migranti. "Basta con la campagna elettorale, è ora di governare". "Ci sono persone disperate che hanno famiglie, figli e vogliono garantirgli un futuro migliore", c'e' "un costante senso di precarieta', tanta sofferenza, ci sono tanti problemi in giro per il Paese e noi li affronteremo uno a uno". E' quanto afferma il ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio in un video in diretta facebook, tornando da incontri elettorali di sostegno ai candidati sindaci per le amministrative, mostrando una pila di faldoni che rappresentano situazioni di crisi che "i cittadini mi hanno presentato solo nell'ultimo giorno".

"Non è facile dire basta - argomenta Di Maio - al business dell'immigrazione, perché si rischia subito di essere bollati come razzisti, xenofobi e altri insulti simili". "La fine del business dell'immigrazione è nei nostri venti punti". Un anno fa avevo denunciato il fenomeno, avendo il coraggio di dire che alcune ONG facevano trasporto di migranti e non salvataggio, che sono due cose ben diverse! [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, - Ladyblitz clicca qui -Cronaca Oggi, App on Google Play] Soprattutto se hai preso fondi dallo Stato. "Un anno fa sono poi andato a Bruxelles, per parlare con il Direttore del Programma Frontex", con cui si gestiva l' emergenza immigrazione. Chi invece voleva solo fare profitti, dovrà cercarsi un'altra occupazione.

Altre Notizie