Astori, una nuova perizia sovverte completamente la prima: non morì nel sonno

Calciatore Fiorentina Davide Astori Muore

Davide Astori “non è morto nel sonno” - Bergamo News

Il calciatore è stato trovato senza vita nel letto di una camera di hotel a Udine, dove alloggiava insieme alla Fiorentina in vista di un match di campionato. Una tesi che rovescia dunque completamente l'ipotesi iniziale, sostenendo esattamente il contrario.

Il servizio del tg di Videolina.

"Davide Astori non è morto nel sonno". Ma ora sembrerebbe che non sia andata così. Ad alimentare il dramma e il dolore per quanto accaduto è un altro aspetto della perizia che stabilisce nella tachiaritmia la causa del decesso: se l'ex viola fosse stato in compagnia, anziché da solo in stanza, avrebbe potuto chiedere aiuto e forse essere salvato con un intervento di pronto soccorso.

I professori Carlo Moreschi e Gaetano Thiene, incaricati dal pm Barbara Loffredo, hanno consegnato la perizia sulla morte di Astori. "Era sereno, gentile, allegro, come sempre", aveva dichiarato in lacrime Marco Sportiello, portiere della Fiorentina con il quale aveva giocato alla playstation fino alle 23 di quella sera. La mattina dopo era poi avvenuta la tragica quanto insopportabile scoperta.

"Non posso anticipare nulla - ha detto con prudenza il procuratore di Udine, Antonio De Nicolo -". La collega sta studiando il documento. Un dettaglio shock che purtroppo non farà che accrescere il dolore della famiglia e della compagna Francesca Fioretti, madre della figlia Vittoria di appena due anni. E decidere se archiviare il fascicolo (aperto a carico d'ignoti) o proseguire con le indagini. Astori era solito indossarla in virtù della sua ammirazione per Alessandro Nesta.

Altre Notizie