Laureanda muore, il padre le finisce la tesi e la pubblica

Francesca muore a 24 anni per un tumore: il padre finisce la sua tesi e ne fa un libro

Francesca Pirozzi muore a 24 anni, il papà porta a termine il suo lavoro

Da allora, dopo la sensazione di vuoto seguita alla morte di Francesca, il padre ha deciso che era il momento di esaudire il desiderio della figlia riguardo alla sua tesi.

Il tumore gliel'aveva portata via nell'agosto del 2016, quando a soli 24 anni stava scrivendo la sua tesi di laurea sull'alimentazione dei pazienti in chemioterapia.

Venerdì 8 giugno 2018 presentazione del libro Il Cibo Ideale a Fano, nelle Marche.

Il linfoma non Hodgkin è un tumore che si sviluppa nelle cellule del sistema immunitario, il sistema che combatte le infezioni ed altri disturbi. Il cibo ideale di Francesca Pirozzi non è un ricettario ma una vera e propria guida di cucina sana scritta insieme a chef, medici e nutrizionisti. Il libro è nato dalla volontà di Marco Pirozzi di ricordare la voglia di vivere e l'impegno della figlia Francesca.

Ecco le parole che il padre di Francesca ha scritto sul sito della Onlus a lei intitolata, per raccontare il progetto e ricordarla ancora una volta. Attraverso questo libro voleva spiegare che l'alimentazione può in qualche modo controllare il malessere che è provocato da un tumore e dalle sue relative Cure, Quindi come la chemioterapia, che come sappiamo sono molto invasive.

Nelle pagine di questo libro non ci saranno solo i progressi e gli studi di Francesca, ma sarà ben impresso anche il cuore e l'amore di un padre che non si è lasciato sopraffare dalla perdita della persona a lui più cara al mondo.

Accanto al libro è nata anche la Fondazione Pirozzi Onlus, che ha come proprio intento la divulgazione di materiali utili per i malati oltre che la raccolta fondi per la ricerca sull'alimentazione oncologica. Non mancano le ricette dei grandi chef stellati da Nadia Santini (tre stelle Michelin per il ristorante Dal Pescatore) a Mauro Uliassi (due stelle Michelin con l'omonimo ristorante a Senigallia). Alcuni docenti del dipartimento di Scienze biomolecolari dell'Università di Urbino, sono già al lavoro per sviluppare nuove strategie sperimentali utili a studiare le caratteristiche epigenetiche dei modelli biologici di tipo complesso.

Altre Notizie