Sigaretta killer, 7 milioni di morti l'anno

In provincia di Treviso più di 130 mila fumatori

notizie da Sondrio e provincia » #ungeniosmette al bando il tabacco

Il vizio riguarda 12,2 milioni di italiani, il 27,7% (+3,8 punti percentuali) degli uomini e il 19,2% delle donne (-1,6 punti). La prevalenza di fumatori è più alta tra uomini (31%), tra le persone con bassa scolarità e quelle con maggior difficoltà economiche. Oltre i 65 anni i numeri scendono per entrambi i sessi. I giovani fumatori abituali, inoltre, sono quelli che fanno meno sport e che bevono più energy drink. La trasgressione fa sentire più grandi, ma un adolescente non sa fin dove può spingersi e così dalle sigarette si rischia di passare alla cannabis. I ragazzi tra i 14 e i 17 anni, infatti, accendono la prima sigaretta alle scuole secondarie di secondo grado e una piccola percentuale addirittura inizia a fumare alle scuole elementari (9-10 anni). Tra i 14 e i 17 anni un giovane su 10 fuma abitualmente e metà è venuto comunque in contatto con il tabacco. Nella stessa fascia d'età sono stati rilevati circa il 2% di ex fumatori.

In Italia i fumatori sono 11,7 milioni, pari al 22,3% della popolazione.

Il dato preoccupante rileva che i fumatori abituali consumano anche altre sostanze. In Toscana, nel 2015, i fumatori sono di nuovo aumentati del 2,4% rispetto al 2014. Il 4,7% dei fumatori abituali ha dichiarato di consumare smart drugs rispetto all'1,3% dei non fumatori. Spesso le cattive abitudini si sommano tra loro: il 42% dei fumatori è anche consumatore di alcol e l'88% non assume frutta e verdura in quantità sufficiente. Il valore medio di propensione al rischio di un non fumatore è di 16,7, sale a 20,1 nel fumatore occasionale e raggiunge il valore medio di 21,2 nel fumatore abituale. Smettere di fumare è possibile.

Nel 2017 il 50 per cento dei partecipanti al percorso ha detto no al fumo, nel 2018 l'84 per cento. Sono aumentati anche i giovani che hann contattato il servizio. L'obiettivo è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica sui danni da fumo e trasmettere un messaggio positivo sottolineando che trattamenti e cure sono disponibili per aiutare i pazienti tabagisti e che smettere di fumare adesso "è più facile".

Oggi 31 maggio le iniziative promosse sono: all'interno del campus scolastico degli Istituti d'Istruzione Superiore di Sondrio, dalle 10.00 alle 12.00 sono presenti due "Gazebo", 'ATS Montagna e LILT sez. di Sondrio, per un momento di sensibilizzazione e contrasto al fumo con distribuzione di materiale informativo, con la possibilità di effettuare: Minimal Advice; somministrazione del test Fargerström - misurazione del monossido di carbonio all'interno dell'Istituto Olivelli Putelli di Darfo BT e dell'Istituto d'Istruzione Superiore Tassara - Ghislandi di Breno in continuità con percorsi educativi già in essere, verranno allestite tre postazioni per sensibilizzare ed informare studenti/operatori ATA e docenti nei confronti alla lotta al tabagismo ed in particolare a chi sarà interessato verrà proposto: misurazione del monossido di carbonio; test di Fargerström; indicazioni per accedere all'ambulatorio del Centro per il trattamento del tabagismo.

Altre Notizie