Ilva. Muore operaio di 28 anni

Un operaio della Ferplast, azienda appaltatrice all'Ilva di Taranto, è morto questa mattina mentre eseguiva lavori di manutenzione nel reparto Ima, al quarto sporgente del porto pugliese, gestito dal Siderurgico. Il giovane sarebbe stato poi soccorso, ma tutti i tentativi di rianimarlo sono stati vani. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, carabinieri, Guardia di finanza e ispettori del lavoro. "L'incidente - dichiara Antonio Talò, segretario Uilm Taranto - è accaduto all'area Ima, Impianti marittimi, quarto sporgente". Il lavoratore stava provvedendo ad un cambio fune a una delle gru che scaricano i minerali che servono alla produzione dell'acciaio, quando, secondo le prime ricostruzioni, la fune stessa si è staccata dall'alloggiamento del carro ponte colpendolo.

La gru DM6 era ferma da due giorni per attività di manutenzione.

Le organizzazioni sindacali ritengono non più rinviabile una seria discussione sull'intero sistema degli appalti che vengono ancor più aggravate dallo stallo della trattativa ILVA in cui uno dei punti delle nostre rivendicazioni è l'avvio di un vero e proprio codice degli appalti.

I sindacati intanto hanno proclamato subito lo sciopero dei dipendenti diretti e dell'appalto, dalle 11 di oggi fino a tutto il primo turno di domani. Contestualmente chiedono al Prefetto di Taranto una celere convocazione per rappresentare la grave e non più sostenibile situazione.

Altre Notizie