Governo: nuovo vertice Salvini-Di Maio. Ue: si rispetti il bilancio

Gentiloni a Sofia a colloquio con il premier spagnolo Rajoy

Gentiloni a Sofia a colloquio con il premier spagnolo Rajoy

Nell'Ue, ha concluso, "nessuno di noi pensa minimamente di mettere in discussione le relazioni con il nostro principale alleato, gli Stati Uniti" ma sull'Iran "ci sono differenze tra l'Ue e l'amministrazione Usa, che vanno gestite come si gestiscono le differenze tra alleati". "Non essere a favore della posizione della Commissione" sull'allargamento e l'avvio dei negoziati con Albania e Macedonia "sarebbe quantomeno paradossale". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, a Sofia a margine del vertice vertice Ue - Balcani occidentali. "Anche perché siamo un esempio di un Paese che ha subito alcune decisioni sfavorevoli prese a Bruxelles e che poi ha dimostrato con i fatti che rispettando le regole europee si può anche concorrere a modificarle".

"Quello che io penso possa creare problemi al nostro Paese e' immaginare che si possano fare politiche a debito, politiche di deficit, promesse elettorali o post elettorali mirabolanti e che questo non produca conseguenze".

"Se si uscisse dal percorso" disegnato in questi anni dal governo italiano in Europa "e si andasse fuori strada, a essere danneggiati non sarebbe gli euroburocrati ma cittadni italiani". Secondo Gentiloni oggi gli "scenari sono diversi, ma attenzione perché il patrimonio accumulato non è un patrimonio dei governi succeduti, ma dei cittadini delle imprese".

"'Italia è al centro dell'attenzione dei leader europei" e, negli ultimi anni, ha "recuperato credibilità".

Altre Notizie