Gaza, muore una bimba di 8 mesi: aveva inalato gas lacrimogeni

Gli scontri a Gaza

Gli scontri a Gaza

Il numero dei morti è aumentato nel corso della notte. Il primo venerdì della Lunga Marcia a Gaza, lo scorso 30 marzo, il quotidiano di Gedda Arab News non scriveva una riga su come le forze israeliane avessero ucciso 23 gazani, ma apriva con un servizio sul turismo. Nel giorno in cui Israele celebra l'apertura dell'ambasciata Usa a Gerusalemme decine di migliaia di persone hanno partecipato a una manifestazione di protesta. La richiesta è stata fatta in seguito "ai numerosi morti" a Gaza.

Netanyahu, di per conto suo, aveva già avvertito. Cecchini, bombardamenti aerei e non, gas lacrimogeni e quant'altro.

Dopo il bollettino di guerra di ieri nella giornata di oggi il conflitto si è attenuato.

Secondo la Casa Bianca, il massacro di civili palestinesi da parte dell'esercito israeliano è il frutto di una provocazione del movimento islamista che controlla l'enclave.

I tre giorni di lutto proclamati per piangere i morti non lasciano molte speranze ad un raffreddamento della situazione. Per quello che è accaduto il 14 maggio Zeid Ra'ad Hussein, alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha detto che "chi è responsabile di una così orribile violazione dei diritti umani" deve essere tenuto in considerazione e che "la comunità internazionale deve garantire giustizia alle vittime".

"I palestinesi usano la scusa dell'ambasciata Usa a Gerusalemme per atti di violenza contro Israele". Chiusi negozi e scuole.

"La politica israeliana ha spazzato via ogni possibilità di uno Stato Palestinese".

Striscia di Gaza, scontri con Israele: si teme mattanza dopo Gerusalemme con la "Nakba" che ricorre oggi. "Ci aspettiamo che tutti agiscano con la massima moderazione per evitare ulteriori perdite di vite".

Sostegno bipartisan negli Stati Uniti alla decisione di spostare l'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.

Condanniamo la retorica fondamentalista di Hamas che non abbandona il rifiuto di Israele né desiste da una guerra di guerriglia che espone la gente di Gaza alla rappresaglia di Israele. Mi rallegro con gli israeliani per tutto quanto hanno ottenuto nei loro 70 anni. Le vittime sono 61. L'Onu ha richiamato Israele invitandolo a "calibrare l'uso della forza, deve proteggere i suoi confini ma farlo in modo proporzionato".

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha definito le azioni di Israele nella striscia di Gaza un genocidio e ha deciso di richiamare gli ambasciatori turchi negli Stati Uniti e Israele per le consultazioni.

Altre Notizie