Pomezia, Si prostituivano all'insaputa dei mariti in centri massaggi

Pomezia, Si prostituivano all'insaputa dei mariti in centri massaggi

Prostituzione: giovani e sposate nei centri massaggi. I mariti non sapevano

Donne italiane e straniere, soprattutto provenienti dall'est: alcune delle quali, addirittura, si prostituivano all'insaputa dei mariti. I clienti potevano richiedere, oltre ai massaggi, che venissero eseguite dalle donne anche delle prestazioni sessuali.

Gestiti da 5 italiani, una è una donna, i due centri erano organizzati e "impiegavano" una rete di donne che aveva deciso di trovare lavoro, ispirandosi a quello più antico del mondo.

I carabinieri della Compagnia di Pomezia, su mandato di arresto della Procura della Repubblica di Velletri, hanno quindi arrestato 5 persone, 4 uomini ed una donna, tutti italiani e domiciliati a Pomezia.

L'indagine è nata dopo una denuncia da parte di una ragazza che aveva appunto richiesto di essere assunta in uno dei centri massaggi suddetti, ma una volta recatasi sul luogo del lavoro, aveva scoperto che sarebbe stata assunta per prostituirsi. Nello specifico i militari hanno trasferito nel carcere di Velletri due uomini di 42 e 32 anni ritenuti i capi dell'organizzazione, arrestati con l'accusa di sfruttamento della prostituzione. Gli altri tre arrestati, due uomini di 50 e 65 anni e una donna di 41, avrebbero favorito l'attività di prostituzione delle ragazze, portando nelle abitazioni quello di cui avevano bisogno e gestendone appuntamenti e contabilità.

Altre Notizie