Banche: sofferenze nette sotto i 54 mld, -39% dai picchi del 2015

La variazione annua dell'ammontare del totale degli impieghi in aprile è stata di +2,68% e fa segnare il più significativo incremento della variazione positiva del totale impieghi dall'ottobre 2011 (allora +4%), dice Abi.

I prestiti delle banche italiane alle famiglie e alle imprese continuano il trend positivo e sono cresciuti in aprile del 2,5% annuo, mentre continua il calo dei crediti in sofferenza, che a marzo, al netto delle rettifiche, sono al 3,11% degli impieghi.

Tassi di interesse al minimo storico. A marzo si sono attestate a 53,9 miliardi di euro, un valore in diminuzione di 655 miliardi rispetto ai 54,5 miliardi del mese precedente ed in forte calo, meno 32,9 miliardi, rispetto al dato di dicembre 2016 (86,8 miliardi).

Al minimo storico anche il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni che è risultato pari a 1,85% (1,88% a marzo 2018, minimo storico, 5,72% a fine 2007).

Roma, 15 mag. - Diminuiscono ancora le sofferenze bancarie.

Il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese è risultato pari a 1,51% (1,51% anche il mese precedente, valore prossimo al minimo storico di 1,42% segnato a gennaio 2018; 5,48% a fine 2007). La dinamica della raccolta complessiva (depositi da clientela residente + obbligazioni) registra ad aprile 2018 una variazione su base annua di -0,1%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

Altre Notizie