Uber ei taxi volanti: a bordo col futuro

Uber ei taxi volanti: a bordo col futuro

Uber ei taxi volanti: a bordo col futuro

Se da sempre l'auto volante è associata ad un'idea di futuro ipotetico e intangibile, questa volta sembra che che l'auto volante arriverà davvero, e in tempi relativamente brevi.

La battaglia svoltasi prima in strada con fiumi di tassisti in sciopero e poi in tribunale ha decretato la chiusura di diversi servizi Uber, lasciando attivo solo Uberblack, presente oggi nelle principali citta italiane. Le tre realtà urbane in questione saranno le prime a offrire i voli UberAir, con l'obiettivo di iniziare con i primi voli dimostrativi dal 2020 e rendere il pienamente operativo il servizio al pubblico entro il 2023.

Rivoluzione anche per i posti di lavoro: i taxi volanti infatti, dopo un periodo di prova che inizierà già nel 2020, con a bordo dei piloti, si guideranno da soli e verranno gestiti da un'intelligenza artificiale centrale.

Uber lavora a stretto contatto non soltanto con la NASA ma anche con aziende del calibro di Sandstone Properties, il cui contributo si estende alla progettazione ed alla realizzazione di appositi punti di atterraggio e decollo (Skyport). L'annuncio è stato dato durante la conferenza Elevate, il summit annuale di Uber a Los Angeles in cui la società ha annunciato una serie di novità.

Con questi dati, la Nasa progetta di simulare un piccolo aereo che trasporta passeggeri attraverso la zona di Dallas-Fort Worth. I costi? Uber ha spiegato che saranno uguali a quelli dei taxi attuali.

Infine, il costruttore di aeromobili brasiliano Embraer, con oltre 48 anni di esperienza, è uno dei produttori più esperti a unirsi al progetto di Uber. I governi interessati - è stato sottolineato durante la conferenza - possono dunque visitare il portale di Uber per ulteriori informazioni e contattare il team di Uber Elevate entro il 1° luglio 2018. Elevate ha anche reso noto un accordo con l'Esercito degli Stati Uniti e una nuova collaborazione con la Nasa per lo sviluppo di nuove tecnologie legate al futuro dei trasporti. Uber si occuperà direttamente della gestione della piattaforma, chiamata UberAir; mentre per la produzione dei droni, l'azienda americana si affiderà a maestranze nel settore dell'etere quali la karem aircraft, la embrarer o la pipistrel.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Altre Notizie