Btp Italia: tredicesima emissione, sale rendimento minimo garantito

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE

E' ufficialmente scattato il conto alla rovescia per la nuova emissione di BTP Italia che, in accordo con quanto ha reso noto il MEF, Ministero dell'Economia e delle Finanze, è programmata da lunedì 14 maggio del 2018 a giovedì 17 maggio del 2018 per quello che è, come noto, un titolo di Stato che, pensato per i risparmiatori individuali, è indicizzato al tasso di inflazione nazionale ed ha, in linea con quanto già proposto dal Tesoro in passato, una durata pari ad 8 anni. Si tratta della tredicesima emissione di questo titolo, lanciato la prima volta sul mercato nel 2012 in piena crisi del debito sovrano.

Anche questo nuovo Btp Italia garantirà cedole semestrali indicizzate all'Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, al netto dei tabacchi, a cui si aggiungerà il pagamento del recupero dell'inflazione maturata nel semestre e un premio di fedeltà (4 per mille lordo sul valore nominale dell'investimento), al momento della scadenza, per chi acquisterà il titolo durante il collocamento. La nuova emissione avrà godimento 21 maggio 2018 e scadenza 21 maggio 2026; il collocamento si svolgerà come sempre in due fasi, la prima sarà riservata agli investitori individuali e affini e si aprirà lunedì per chiudersi mercoledì 16 maggio, salvo eventuale chiusura anticipata. La cedola minima garantita, secondo quanto comunicato venerdì scorso dal Tesoro, corrisponde allo 0,4%, al di sotto delle attese degli analisti che pronosticavano un tasso cedolare dello 0,5-0,55%. Per questi ultimi il collocamento potrebbe prevedere un riparto, nel caso in cui il totale degli ordini ricevuti risulti superiore all'offerta finale stabilita dal Mef.

La prima rispetto alla seconda fase differisce anche in termini di ammontare di BTP Italia collocabili. In caso di inflazione negativa, è previsto un floor che garantirà che le cedole effettivamente pagate non siano comunque inferiori al tasso reale garantito definitivo.

È il parere della portfolio manager di Schroders Lisa Hornby, che intervenuta a Bloomberg TV ha fatto sapere che il gruppo da un po' di tempo sta speculando al ribasso sui titoli di Stato italiani, senza però incontrare successo.

Altre Notizie