Sgozzata dal fratello e dal padre: pakistana voleva sposare un italiano

Sgozzata dal fratello e dal padre pakistana voleva sposare un italiano

Voleva sposare un italiano, 25enne di origini pakistane viene sgozzata dal padre e dal fratello

Chi era la giovane pakistana Sana Cheema?

La giovane - scrive BresciaToday - si sarebbe ribellata alle decisioni degli uomini della sua famiglia, a un matrimonio combinato da anni, confidando i suoi sentimenti per un ragazzo italiano e per questo sarebbe stata ammazzata.

La ragazza viveva da anni a Brescia, dove aveva frequentato le scuole e aveva iniziato a lavorare in un'autoscuola. A Brescia Sana aveva incontrato anche l'amore: un ragazzo italiano con il quale contava di sposarsi, nonostante il fermo divieto della famiglia. Li chiamano delitti d'onore, e ogni anno più di mille donne muoiono in Pakistan per questo motivo. Da qui il brutale assassinio, per cui il padre e il fratello 25enne sono stati arrestati dalla polizia pakistana.

Il delitto è avvenuto nel distretto pakistano di Gujarat, nell'India occidentale, dove la giovane era nata e dove era tornata dalla famiglia un paio di mesi fa.

Pare che sia il fratello sia il padre abbiano ucciso Sana Cheema proprio a causa del suo fidanzato italiano e per giunta cristiano. Nella religione islamica e nella cultura pakistana la maggior parte delle volte è la famiglia a scegliere lo sposo della figlia. La vita l'aveva trovata in Italia, ma è nel suo Paese d'orogine che ha però trovato solo la morte. Si tratta di una piaga molto difficile da estirpare.

La drammatica vicenda è tristemente simile a quella di Hina Saleem, la 19enne uccisa nell'agosto del 2006 dal padre e dai cognati e poi sepolta nel giardino di casa, a Ponte Zanano.

Altre Notizie